Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Abitazione va a fuoco per colpa di una cicca

L'abitazione danneggiata dalle fiamme

Evacuata una palazzina Casalp a Montecaselli, muore un cane. Sei persone in salvo, sistemate in due appartamenti lì vicino

PIOMBINO. Paura per un incendio sviluppatosi in un appartamento di una palazzina della Casalp a Montecaselli ieri poco prima dell’alba. Non si sono state conseguenze per le persone, sei in totale, per il rapido intervento dei vigili del fuoco. Morto invece uno dei cani di prorietà di una delle famiglie che vivono lì.

Sul posto anche uomini delle volanti e dell’anticrimine per le indagini sulle cause dell’episodio.

Le fiamme, subito domate dai vigili, hanno interessato la camera da letto di u ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PIOMBINO. Paura per un incendio sviluppatosi in un appartamento di una palazzina della Casalp a Montecaselli ieri poco prima dell’alba. Non si sono state conseguenze per le persone, sei in totale, per il rapido intervento dei vigili del fuoco. Morto invece uno dei cani di prorietà di una delle famiglie che vivono lì.

Sul posto anche uomini delle volanti e dell’anticrimine per le indagini sulle cause dell’episodio.

Le fiamme, subito domate dai vigili, hanno interessato la camera da letto di un appartamento al primo piano della palazzina, edificio in gestione a Casalp, la società partecipata dai Comuni della provincia di Livorno che ha in carico il patrimonio dell’edilizia residenziale pubblica.

L’edificio è stato dichiarato inagibile, il Comune è subito intervenuto e Casalp ha messo a disposizione due alloggi lì vicino, appena ristrutturati, in attesa degli interventi di ripristino della palazzina.

Secondo una prima ricostruzione l’incendio è partito al primo piano, dove vive una coppia, forse per una cicca di sigaretta finita su un materasso. L’uomo, che credeva di averla spenta, era poi uscito con due cani.

La sua compagna si è svegliata per la puzza di bruciato ma invece di spegnere il principio d’incendio ha aperto la finestra, così che le fiamme sono divampate costringendola ad abbandonare l’alloggio in tutta fretta.

Il trambusto ha messo in allerta le quattro persone che vivono al pianterreno con numerosi cani, anche loro costrette a lasciare la casa.

Quando i vigili dl fuoco hanno concluso il loro lavoro è parso subito chiaro che l’alloggio al piano superiore era inagibile, per il rischio del crollo del tetto, quello al pianterreno aveva anch’esso subito dei danni ed era completamente inzuppato d’acqua. Bruciati o comunque inservibili tutti i mobili all’interno, accatastati poi davanti all’edificio.

Per le sei persone s è reso necessario trovare una sistemazione, problema rapidamente risolto dal Comune e da Casalp grazie alla presenza nei pressi di due piccoli appartamenti. —