Quotidiani locali

A Portoferraio col Chicchero: Taxi boat per tutto il golfo

A Portoferraio col Chicchero: Taxi boat per tutto il golfo

Da San Giovanni al molo Gallo e viceversa, poi le principali località balneari. Il sindaco Ferrari: «Così si visita il centro storico senza l’incubo dei parcheggi»

PORTOFERRAIO. Il tragitto che da oggi ricoprirà il taxi boat da San Giovanni al molo Gallo e viceversa, poi le varie località che si affacciano sul golfo di Portoferraio è stato inaugurato ieri mattina dalla giunta comunale al completo, dai rappresentanti del consiglio e dai referenti della ditta che eseguirà il servizio.

Il Chicchero, come è stata ribattezzata l’imbarcazione a motore, avrà la base al molo di San Giovanni. Qui è previsto il pernottamento, da cui riparte ogni mattina alle 8,45 diretta al molo Gallo e quindi, secondo gli orari, effettuare le ripartenze per raggiungere Ottone, Fabricia, Magazzini Bagnaia. Ultima corsa dalla punta del Gallo alle 20,20, in direzione di San Giovanni.

Una nota di soddisfazione per tutti gli amministratori il ripristino della navetta che collega le maggiori frazioni balneari con Portoferraio, nonostante che si inizi con un ritardo sulla tabella di marcia (inizialmente al via col primo luglio, se non ci fossero stati problemi burocratici per l’idoneità degli approdi e la salvaguardia dell’utenza). Tutto oggi pare superato. Per cui si guarda con simpatia a questa imbarcazione (può ospitare una quarantina di persone) che farà, per tutta la stagione, il pendolino col Gallo.

«Per una serie di opportunità – dice il sindaco Mario Ferrari, al taglio del nastro – fra cui quelle di dare la possibilità di visitare centro storico e negozi senza l’incubo di parcheggiare la macchina. Da oggi finalmente torna il Chicchero». Così, anche questa barca dell’impresa che ha vinto il bando di gara porta questo nome storico, più facile da ricordare e ancora presente nella memoria dei portoferraiesi. Così, per esempio, è avvenuto negli anni Novanta, quando l’allora amministrazione riportò in auge il collegamento con la sua principale frazione dirimpettaia. Come puntualmente è avvenuto oggi, grazie all’opportunità offerta da “Elba Sharing”, il progetto inserire nel “Civitas Destinations” europeo, sostenuto dall’amministrazione in sinergia con l’associazione degli Albergatori elbani. Per cui, anche in quest’estate, il mini-traghetto bus sarà battezzato con il nome di Chicchero: soprannome del barcaiolo Giuseppe (detto Beppino) Marconcini.

In pratica questo personaggio ha lasciato il segno nel folklore locale perché, prima della guerra e anche dopo per due o tre anni, trasportava col suo vecchio gozzo a remi i passeggeri da San Giovanni a Portoferraio e viceversa. Valido aiuto che offriva a chi, proveniente a piedi dai paesi dell’Elba orientale, doveva raggiungere Portoferraio, evitando così il tragitto a piedi lungo il litorale. «Questo vecchio gozzo – ha scritto Leonida Foresi – è divenuto proverbiale, al punto che anche oggi, per commentare qualche disservizio dei traghetti che fanno la spola tra

l’Isola e il continente si usa esclamare: “Era meglio ai tempi del barchino del Chicchero’”».

«Siamo convinti – sottolinea il vicesindaco Roberto Marini – che il servizio completerà il panorama dell’offerta turistica di Portoferraio».


 

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro