Quotidiani locali

la programmazione 

Alleanza tra Comuni in Val di Cornia per far decollare economia e turismo

Accordo tra Piombino, San Vincenzo, Sassetta e Campiglia per sviluppare insieme i settori strategici del nostro territorio

PIOMBINO. La Val di Cornia fa sistema per programmare insieme il territorio e i suoi settori strategici per l’economia. Il coordinamento dei sindaci di Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo e Sassetta, riuniti infatti nell’Ufficio di Piano, ha approvato recentemente il documento politico contenente gli obiettivi strategici e le priorità per la pianificazione della Val di Cornia. Molto del corposo accordo riguarda il turismo e il suo sviluppo sinergico.

«Il documento politico appena elaborato è molto importante perché propone una rilettura delle priorità e degli obiettivi strategici alla luce dei cambiamenti intervenuti – afferma l’assessore all’Urbanistica Carla Maestrini - in continuità con il lavoro avviato con la Variante urbanistica di ripianificazione dell’area industriale di Piombino.Si tratta quindi di un documento che detta le linee delle politiche d’area in materia urbanistica confermando una sinergia fra i territori – continua Maestrini – valorizzando le nostre peculiarità tradizionali in rapporto agli altri settori strategici, come quello della logistica, dell’economia circolare, del turismo, della nautica, dell’agricoltura di qualità. Particolarmente importante per Piombino la rilettura del tema turismo». In particolare si tratta di potenziare tutte le attività legate al mare: «Dalle attività retroportuali, logistiche, alla cantieristica, natutica e turismo balneare... E ci siamo - prosegue Maestrini - ci siamo dati come obiettivo quello di considerarlo una priorità aprendo a rivedere il numero di posti letto nel territorio e soprattutto puntando sul potenziamento dei servizi e della qualità».

Il documento sarà inserito nel procedimento di avvio della variante al Piano Strutturale che le amministrazioni comunali di Piombino e Campiglia stanno preparando e che sarà portato in consiglio comunale in agosto. L’obiettivo è quello di arrivare all’adozione della variante entro la fine di questa consiliatura. La stessa cosa faranno San Vincenzo e Sassetta che hanno avviato ugualmente un percorso congiunto di riallineamento del loro Piano Strutturale. I settori strategici sono: nuova industria e sistema produttivo, con le interconnessioni della nuova industria con le aree produttive/artigianali del territorio; sistema infrastrutturale con la definizione degli assi viari, portuali e ferroviari, le infrastrutture leggere (percorsi pedonali, percorsi ciclabili, sentieristica); economia del mare con il sistema portuale produttivo e turistico, logistica, nautica e diportismo, valorizzazione della costa e della qualità dell'offerta balneare, itticoltura e maricoltura; turismo con una rilettura di questo vettore nel mutato quadro delle condizioni economiche puntando sulla destagionalizzazione;

nuove sfide dell'agricoltura, turismo legato al benessere, potenziamento dei parchi; dimensione sociale con adeguate politiche abitative di integrazione e di sicurezza; rigenerazione del paesaggio non più urbano e non ancora agrario, che sta tra la città e la campagna. —



TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro