Quotidiani locali

Il taglio del verde non piace ai cittadini

Polemiche sull'erba rasata in strada. L’assessore Capuano: «A breve un nuovo bando per le aiuole»

PIOMBINO. Operai a tagliare l’erba lungo la strada e sui marciapiedi tra via dei Cavalleggeri e via Salivoli, Calamoresca compresa. È domenica mattina, non piove, tra le 8 e le 10 in tanti passano di qui di corsa (per allenarsi), oppure passeggiando.

Le domande che le persone si fanno sono sempre le stesse ad ogni taglio di verde pubblico: i cittadini tornano a chiedersi se questo è il modo giusto di rasare l’erba «lasciando quella tagliata adagiata li dov’è cascata....».
E perché mai, delle aiuole, si cura solo il perimetro? «Una nuova moda o i giardinieri del comune si prendono delle licenze?» si chiedeva una signora in procinto di andare a fare la spesa. Anche ieri mattina, mentre gli operatori finivano l’intervento a ridosso della rotatoria con via Nenni, più automobilisti si sono fermati a chiedere informazioni.

«Il taglio del verde delle rotonde e delle aiuole e il taglio del verde sulle strade o marciapiedi sono due tipi di lavori diversi – spiega l’assessore ai lavori pubblici Claudio Capuano – nel primo caso c’è un’assegnazione da fare col bando, a breve procederemo con quello nuovo. Di strade e marciapiedi, invece, si occupa 6 Toscana seguendo i criteri del ministero dell’ambiente. In pratica? Si tratta di rasare il prato con la tecnica mulching». Tra gli obiettivi il risparmio di tempo, eseguendo la rasatura nel periodo e con le modalità giuste.

«C’è lo sminuzzamento dell’erba – dice l’assessore – che non viene asportata subito ma comunque entro la mezza giornata, anche secondo il pronunciamento fatto da Ato sud. Da considerare – aggiunge – che nel caso dell’intervento all’interno delle aiuole, che riprenderà subito dopo il nuovo bando, la ditta designata non dovrà asportare niente di quanto tagliato. In proposito conta il decreto ministeriale».

Quest’anno le condizioni meteo non aiuteranno affatto gli addetti del settore. «La temperatura mite – conferma

Claudio Capuano – poi la pioggia... ecco che l’erba cresce a dismisura ben oltre la nostra capacità di tagliarla. Stiamo ancora concludendo il primo giro di taglio e ricominceremo breve, ma sarà comunque difficile dar soddisfazione a tutti, ovunque, nei tempi sollecitatati».
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro