Quotidiani locali

I bambini elbani come Peter Pan, potranno avere una casa sull'albero

Parco e Comune danno il via libera a “Elba Green Laboratory”: gli studenti delle scuole trasformeranno il sogno in realtà

CAPOLIVERI. È il sogno di ogni bambino. Un luogo appartato e immerso nella natura dove stare con gli amici, alla larga dai grandi: la casa sull’albero. Peter Pan ha stimolato la fervida immaginazione di generazioni di bambini di tutto il mondo. Bart Simpson, invece, utilizzava la casa sgangherata mesa in piedi da babbo Homer per progettare con gli amici le solite - devastanti - marachelle.

Ebbene, a Capoliveri il sogno potrà diventare realtà. E saranno gli stessi bambini elbani a decidere assieme al Parco nazionale dell’arcipelago toscano come le case sull’albero saranno costruite. Il consiglio direttivo del Parco ha infatti approvato, nel corso della riunione di venerdì scorso, la convenzione triennale con il Comune di Capoliveri per il progetto “Elba Green Laboratory”.

«Il disegno è il modo più naturale di espressione e di comunicazione. Attraverso le mani e la fantasia vogliamo realizzare un sogno per grandi e piccini – si legge nel progetto del Parco – Si è deciso di coinvolgere nel progetto i bambini delle scuole perché sono ancora dotati di uno stupore che noi adulti abbiamo a volte perduto».

Saranno proprio i bambini delle scuole dell’Isola d’Elba a progettare la casa, scegliere la tipologia e decidere su quali alberi realizzarla. L’area, invece, è stata scelta dal Parco assieme al Comune di Capoliveri: si tratta di una zona all’ingresso del Parco minerario, a Calamita. «Aiuteremo i bambini – continuano dal Parco – a scegliere l’albero giusto, mettendo a disposizione un luogo dove si potrà individuare uno o più alberi dove immaginare di costruire una casa».

L'area del progetto per la...
L'area del progetto per la costruzione di una o più case sull'albero

Lo stesso Parco dà delle indicazioni precise sulla scelta dei materiale: grandi listelli di legno per la piattaforma, scala di accesso da realizzarsi in corda, gradini fissi in legno o a pioli, copertura del tetto con listelli in legno, lastre di compensato coperte da cannicciati o teli, pannelli speciali o lamiere. E poi vernici ecocompatibili per colorare la casa dei sogni, magari prendendo spunto da alcune delle case sull’albero più famose. I bambini potranno scegliere tra tre tipologie di casa: piattaforma ancorata ai tronchi, rialzata con puntoni o direttamente nella chioma ancorata ai rami esistenti. Le dimensioni indicative saranno di 5X4 metri, «giuste – dicono dal Parco – per invitare un amico e per ragionare a come utilizzare gli interni». La fantasia, insomma, avrà tutto lo spazio necessario per correre.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista