Quotidiani locali

Turismo in ulteriore crescita e il Parco archeologico fa boom

Secondo Confcommercio le presenze su Piombino, per lo più italiani, sono aumentate del 10% A Ferragosto a Baratti e Populonia +32%. Lotti (Confesercenti): «Bene anche gli stabilimenti»

PIOMBINO. Un aumento stimato delle presenze del 10% rispetto al 2016, caratterizzato dall’incremento dei visitatori italiani e dal calo dei turisti stranieri, soprattutto di nazionalità olandese.

Secondo Confcommercio la stagione estiva 2017, per Piombino, è stata, nel complesso, positiva, considerando anche l’arrivo delle navi da crociera e il perdurare di diversi e ininterrotti giorni di sole accompagnati da alte temperature.

«Non tutti sono ugualmente soddisfatti - sottolinea Marco Torchioni, presidente di Confcommercio Piombino -. Alcuni negozianti segnalano un calo, qualche operatore del settore recettivo sostiene che quest’anno i risultati sono meno buoni rispetto al 2016, ma nel complesso credo che andremo a chiudere con un incremento di presenze del 10%. Questo, a fronte della stagione già buona dello scorso anno, è un risultato considerevole».

Il bilancio, che consiste in una stima parziale non comprendendo il mese di settembre, si pone in linea con quanto già registrato in altri settori.

Fabrizio Lotti, presidente regionale Fiba Confesercenti, giorni fa aveva infatti riportato l’impressione secondo cui ci sarebbe stato «un aumento discreto di presenze, in tutta la zona. In Costa est mai come quest’anno si sono registrate tante domande di ombrelloni, soprattutto ad agosto».

In quest’ultimo mese, inoltre, nel sistema di Parchi e musei della Val di Cornia c’è stato un notevole incremento di ingressi, con il parco archeologico di Baratti e Populonia che, per il ponte di ferragosto, ha registrato un +32% rispetto al 2016.

I dati riportati da Confcommercio sono comunque provvisori, per avere le statistiche definitive e complete sui flussi turistici che hanno interessato Piombino nel 2017 bisognerà aspettare qualche mese.

«Ma possiamo già affermare – sottolinea Torchioni , che la stagione estiva ha portato alcune soddisfazioni agli imprenditori del turismo e a quelli del commercio che operano nelle vicinanze del centro».

E, secondo il presidente dell’organismo di categoria piombinese, ci sono stati alcuni elementi contingenti che hanno favorito l’afflusso di turisti in città, come «la situazione internazionale, con l'emotività legata agli attacchi terroristici. Per problemi tecnici, inoltre, sono stati dirottati su Piombino centinaia di passeggeri che, in attesa del traghetto per la Sardegna, hanno affollato il centro per evitare di ingolfare le banchine».

Sulla questione è intervenuto anche Federico Pieragnoli, direttore di Confcommercio provincia di Livorno, secondo cui «il settore balneare continua ad attirare per la qualità del mare e dei paesaggi».

«È necessario che imprenditori e amministrazioni locali affinino insieme poche e semplici strategie per aumentare gli arrivi in città anche nei mesi meno frequentati, unendo mare e sport, arte e natura. La congiuntura favorevole può essere sfruttata con investimenti economici che rendano più appetibile il centro, come servizio

navetta, piste ciclabili, interventi di miglioramento sulle spiagge cittadine, arredo e decoro urbano».

«La nostra speranza è che, già nelle prossime settimane, si dia avvio a un confronto tra categorie e amministrazioni su questi temi»


 

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista