Quotidiani locali

SCUOLA

Un pacchetto turistico formato studente

Lo realizzeranno i ragazzi dell’Istituto Fondi di Latina con una due giorni in Val di Cornia

PIOMBINO. Storia, natura, più cucina (a misura di studente) e divertimento. Questi elementi base di un viaggio-studio valido dai 13 ai 19 anni, che gli studenti dell’Istituto turistico “Libero de Libero” di Fondi (Latina) studieranno come organizzare in Val di Cornia. Proposta che poi sarà “programmata” dalla stessa scuola in primavera e pubblicizzata negli istituti superiori d’Italia.


Iniziativa, nata tra attività connesse alla costituzione dell’Associazione dei Comuni toscani, ha l’obiettivo di realizzare un servizio di qualità rivolto ai giovani e alle scuole che organizzano viaggi di istruzione a livello nazionale. L’Associazione dei Comuni toscani, propone un modello di organizzazione territoriale, approvato recentemente dal consiglio comunale di Piombino, per sviluppare una rete di cooperazione tra i Comuni dello stesso territorio ma anche tra loro e le altre organizzazioni presenti (imprese, scuole, associazioni, cittadini). Qui da noi la Parchi da tempo rappresenta un’esperienza unica in materia.


Il progetto Fondi è stato presentato in sala consiliare; col sindaco Massimo Giuliani, l’assessore alla cultura Paola Pellegrini, il presidente della società Parchi Luca Sbrilli, il direttore dell'Istituto di biologia marina Roberto Bedini, il responsabile dell’ufficio giovani Simoncini, per la Società nuoto Carlo Angelillis.
Al tavolo Renato Di Gregorio, coordinatore dell’Associazione dei Comuni Toscani, i ragazzi di Fondi (Alessandro Pannozzo, Miriana Teseo, Michela Iuliano e Michela Di Meola) insieme all’insegnante accompagnatrice, Rita Capasso.


«In due giorni – ha spiegato Di Gregorio – gli “esploratori” che rappresentano i 45 ragazzi che partecipano al progetto rileveranno dal loro punto di vista le attrattività locali con cui costruire un’offerta turistica appetibile per i giovani. Non solo – ha aggiunto il presidente dell’associazione formatori italiani – Il progetto è valido, perché saranno i ragazzi, sulla base delle loro esigenze, a valutare cosa c'è di interessante sul territorio per la loro età, cosa possono mangiare di tipico, dove possono alloggiare ed altro, tutti aspetti che dovranno essere debitamente organizzati. Un’offerta turistica per i giovani quindi, creata direttamente dai giovani. Dal punto di vista formativo, inoltre – ha sottolineato – è un percorso che consente ai ragazzi stessi di sperimentare un vero e proprio progetto in campo turistico, all’interno del percorso di studi».


«Parlare di turismo è importante – ha detto il sindaco – Questo è un territorio che vuole fare turismo e che nel corso degli ultimi dieci anni ha accresciuto le presenze del 100%». «Scuola luogo di formazione del cittadino - ha ricordato Pellegrini – importante che i ragazzi possano essere coinvolti in interventi di qualità, sviluppando un concetto di rete che ci impegna a ragionare in maniera diversa».
«Positiva l'impressione ricevuta – ha affermato la professoressa Rita Capasso – Abbiamo trovato disponibilità e crediamo che

questo territorio offra tante potenzialità per il turismo scolastico, rivolto non soltanto ai ragazzi delle superiori, ma anche delle medie inferiori». Oltre a visite in Parchi, musei e porto si progettano incontri coi coetanei dell’Isis "Ceccherelli-Einaudi".
 

 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Piombino Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon