Quotidiani locali

tennis

Lo Sporting Club pareggia 3-3 a Barletta e si conferma in Serie B

La formazione montecatinese ottiene il risultato sperato (dopo il 4-2 dell'andata) e conquista la permanenza nel prestigioso campionato nazionale grazie ai successi di Matteo Bindi e Andrea Patracchini nei singolari e della coppia Braccini-Patracchini nel doppio  

MONTECATINI. Cinquecentoquindici anni e qualche mese dopo, sono i “cavalieri” dello Sporting Club Montecatini ad avere la meglio degli avversari pugliesi in una moderna rievocazione tennistica della storica Disfida di Barletta. Non tredici, come nell’epico confronto, ma sette, guidati da un esperto capitano senza paura, i protagonisti montecatinesi della “tenzone” giocata a colpi di servizi, smash, diritti, rovesci e volée, che valeva, come secondo atto di uno spareggio spietato, la permanenza nella prestigiosa Serie B di tennis; campionato che di anno in anno acquista sempre maggiori spessore e rilevanza tecnica. Serie B ancora una volta difesa con le unghie e con i denti dalla coesa e talentuosa pattuglia termale, a scapito di un tutt’altro che arrendevole Circolo tennis Barletta.

Un momento degli allenamenti prima...
Un momento degli allenamenti prima dell'inizio dei match a Barletta

La squadra guidata da Daniele Balducci, di cui fanno parte Leonardo Braccini, Andrea Patracchini, Matteo e Marco Bindi, Federico Malanca, Tommaso Checcaglini e il giovane Simone Uday Vaglini, è riuscita a portare a compimento l’ennesima impresa, anche in questo caso, contro pronostico, ottenendo il risultato sperato e preparato meticolosamente per un’intera settimana, avendo come base il leggero vantaggio dato dall’esito della gara di andata. Lo Sporting  si è infatti presentato  a questa decisiva “disfida”, per usare una metafora presa in prestito dal mondo dell'ippica con l'allungo di un'incollatura, in virtù del 4-2  (l'incontro è al meglio di 4 singolari e 2 doppi) ottenuto sui campi dell'impianto di via Ponte dei Bari con i successi in tre singolari di Braccini, Patracchini e Malanca e in uno dei due doppi della coppia Braccini-Patracchini.   

Il riscaldamento pre-gara
Il riscaldamento pre-gara

Ma non era certo facile ripetersi, o quantomeno, pareggiare, risultato che avrebbe comunque premiato la truppa di capitan Balducci, vista l’importanza della posta in palio e la difficoltà di giocare il più spietato dei match da dentro fuori in trasferta, contro una formazione di valore supportata da un numeroso e fin troppo caloroso pubblico. Serviva, insomma, un’impresa. E l’impresa c’è stata. Nonostante il tentativo di mischiare le carte in tavola da parte dei padroni di casa. Che hanno inserito all’ultimo minuto nella lista dei giocatori il loro numero 2 Francesco Faggella, operato di recente a un ginocchio e presentatosi di fronte al giudice arbitro in stampelle, con il solo intento di ritirarsi senza neppure entrare in campo contro il numero 2 montecatinese Andrea Patracchini, concedendo di fatto il primo punto allo Sporting, ma permettendo così di non far scalare posizioni in alto ai suoi compagni con classifica inferiore, come invece successo nella gara di andata.

Un tuffo in mare a Barletta per festeggiare la permanenza nella Serie B di tennis I ragazzi e il capitano dello Sporting Club Montecatini festeggiano così la vittoria nel doppio spareggio che valeva la salvezza contro il Circolo tennis della città pugliese - L'ARTICOLO

Pronti, via, quindi, e 1-0 per Montecatini. Che però poi cedeva il punto del pareggio ai padroni di casa nel confronto tra numeri uno: Giuseppe Tresca (classifica 2.2) e Leonardo Braccini (2.3), con il primo bravo a prendersi una rivincita dopo il pesante ko rimediato la settimana precedente a Montecatini, e a trasformare il match in un’autentica corrida, con il colorito e rumoroso supporto dei propri sostenitori, che alla fine lo ha premiato, sia pure con un punteggio (64 76) che la dice lunga sull’equilibrio che si è visto in campo. A riportare lo Sporting avanti, firmando l’impresa del giorno, ci ha pensato Matteo Bindi, protagonista di una partita a dir poco esaltante, senza dubbio la migliore della stagione, portata a casa dopo tre combattutissimi set, annullando anche due match point, al 2.5 Domenico Scelzi.  Ma subito dopo la formazione di casa è riuscita a rialzare la testa, portandosi sul 2-2 grazie alla netta vittoria, in due set, di Luca Scelzi su Federico Malanca.

Andrea Patracchini e Leonardo...
Andrea Patracchini e Leonardo Braccini, ancora vittoriosi in doppio

Tutto rimandato ai doppi, quindi. Dove, di nuovo, la dea bendata ha deciso di non sostenere la truppa di capitan Balducci, a cui serviva ancora almeno un punto per conquistare la salvezza. Il sorteggio ha infatti messo di fronte il doppio di punta termale, composto da Leonardo Braccini e Andrea Patracchini (battuti solo una volta nelle due ultime stagioni di B, quest’anno, in casa del circolo del Castellazzo, corazzata emiliana che dopo aver dominato il girone ha conquistato la promozione in A2) alla coppia più forte barlettana (Tresca e Luca Scelzi) anziché a quella più abbordabile (Gianluca Piccoli e Domenico Scelzi) andata invece in sorte a Matteo Bindi e Tommaso Checcaglini. Ancora una volta, però la coppia d’acciaio dello Sporting, pur con un Patracchini limitato da un problema muscolare al polpaccio sinistro, ha sfoderato l’ennesima prova super, scrivendo la parola “fine” sul confronto, e sul discorso salvezza, imponendosi con sprazzi di gioco potente e spettacolare con un duplice 64 e conquistando quel terzo punto necessario per aggiudicarsi lo spareggio, tanto atteso e sofferto. Risultato, che appena ottenuto, ha reso di fatto inutile la conclusione del secondo doppio, archiviato formalmente con il ritiro della coppia Matteo Bindi-Checcaglini, che tra l'altro si trovava avanti nel punteggio di un set, anche per il riacutizzarsi di un dolore al polso sinistro di Bindi, sceso anche a Barletta stoicamente in campo in non perfette condizioni fisiche. Bastava il pareggio: e 3-3 è stato.

leggi anche:

Un risultato che ha il sapore di un piccolo miracolo; di un’ennesima conferma del valore del gruppo di atleti dello Sporting Club, formato interamente da ragazzi del vivaio, con l’unica eccezione del ferrarese Patracchini, ormai montecatinese d’adozione, che anche in questa tribolata stagione, contrassegnata da infortuni a catena, hanno dato il massimo per raggiungere l’obiettivo della permanenza in categoria; traguardo che per il circolo valdinievolino è un vanto e un biglietto da visita importante (visto che in Toscana soltanto sei formazioni maschili hanno preso parte al torneo nazionale di B) che porta con sé una soddisfazione paragonabile alla vittoria d’un campionato. Serviva l’ennesima impresa, come detto, ed è arrivata grazie a questi ragazzi, amici prima ancora che compagni di squadra, abituati da anni a lottare contro formazioni infarcite da stranieri ingaggiati a gettone, tennisti con ranking  Atp importanti, strapagati, e avversità di ogni tipo, complice anche un regolamento federale che anziché premiare chi porta avanti giovani talenti usciti dalle proprie scuole tennis favorisce le società con budget economici elevati, con sponsor importanti, capaci di mettere insieme giocatori di ogni provenienza, spesso con classifiche “mascherate”.  Per questo motivo, un ringraziamento particolare va anche agli sponsor-amici che hanno sostenuto economicamente la squadra in questa stagione appena conclusa: la pizzeria Ricciarelli di Montecatini e l’azienda Menichetti Glues and Adhesives di Fucecchio. Appuntamento all’anno prossimo.  (s.b.)

Stanchi ma felici: si riparte da...
Stanchi ma felici: si riparte da Barletta per il lungo viaggio di ritorno

SINGOLARI

Leonardo Braccini - Giuseppe Tresca 46 67
Andrea Patracchini - Francesco Faggella (ritiro)
Matteo Bindi - Domenico Scelzi 26 64 75
Federico Malanca - Luca Scelzi 26 36

DOPPI

Braccini - Patracchini vs Tresca-Scelzi L. 64 64
Malanca - Checcaglini vs Piccoli - Scelzi D. 63 45 (ritiro)

    

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro