Quotidiani locali

tragedia a chiesanuova 

Si scontra con un’auto e cade per terra scooterista di 55 anni muore sul colpo

Il terribile incidente sulla via Romana Vecchia. La vittima abitava a poca distanza, nella frazione di Pescia Morta

CHIESINA UZZANESE

La violenza dell’impatto non gli ha lasciato scampo. Il suo corpo, immobile, è rimasto al centro della carreggiata, insieme ad alcuni suoi oggetti personali. E nonostante l’arrivo tempestivo dei soccorsi, per Fabrizio Arinci, 55 anni, purtroppo, non c’è stato più nulla da fare.

Terribile incidente, ieri, intorno alle 11,45, in via Romana Vecchia, a Chiesanuova di Chiesina Uzzanese. L’uomo, residente nella frazione di Pescia Morta, viaggiava in sella al suo scooter sulla strada provinciale Romana. Poi, all’improvviso, lo scontro con un’auto. Devastante.

Secondo le prime ricostruzioni, eseguite dalla Polizia municipale di Chiesina, il 55enne ha svoltato a sinistra per imboccare via Romana Vecchia. E lì, all’altezza dello Sckiri Bar e dell’autofficina, poco distante dall’agraria Sorini, è avvenuto l’impatto. Ancora in corso d’accertamento le cause che lo hanno determinato, ma quel che è certo è che le condizioni di Arinci, fin dal primo momento, sono apparse disperate. Il parabrezza dello scooter si è del tutto disintegrato e il suo corpo è rovinato a terra. Immediata, quindi, la chiamata ai soccorsi e sul luogo dell’incidente sono ben presto arrivate un’ambulanza della “Croce Oro” di Ponte Buggianese e anche l’automedica di Pescia, oltre a diverse auto di carabinieri e Polizia per regolare il traffico.

Ma i sanitari, dopo aver tentato di rianimare l’uomo, non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Il cuore di Fabrizio Arinci, infatti, aveva già smesso di battere. Troppo gravi le ferite riportate: alla testa, soprattutto, che ha urtato con violenza contro l’asfalto, ma anche in tutto il resto del corpo.

Una nuova tragedia della strada, insomma, che sconvolge due intere comunità, quella di Chiesina Uzzanese e pure di Pescia. Arinci – che lascia la moglie e due figli – viveva con la sua famiglia a Pescia Morta, frazione al confine con il comune di Chiesina. E doveva essere uscito di casa da pochi minuti quando è avvenuto lo scontro con l’auto. Il 55enne, che lavorava come addetto alla manutenzione in un’azienda di Pistoia, era stimato e ben voluto nel paesino in cui abitava.

«È una tragedia, siamo tutti sconvolti – dice, commosso e ancora incredulo, un vicino di casa della vittima – Fabrizio era una persona straordinaria. Un uomo gentile e spiritoso, un ottimo vicino. La sua era una bella famiglia. Il nostro è un piccolo paese, di circa 150 anime, dove ci conosciamo un po’ tutti. Ci mancherà moltissimo, Fabrizio. Con la sua simpatia, aveva sempre una parola buona per tutti. È tutto troppo doloroso, non c’è altro da aggiungere».

La salma, adesso, si trova all’obitorio dell’ospedale Cosma e Damiano di Pescia, a disposizione del magistrato di turno che

deciderà se disporre o meno l’esame autoptico. Soltanto a quel punto la salma potrà essere restituita ai familiari per le esequie.

E, sicuramente, saranno in molti a rendergli l’estremo saluto. –

MARTINA TRIVIGNO

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro