Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ci vorrà un anno e mezzo per la nuova Esselunga

Un disegno del futuro supermercato Esselunga visto dall’alto

La struttura di via Gentile avrà 2.500 mq di superficie destinata alla vendita Incertezza sull’attuale negozio di via Lucchese: cessione o ridimensionamento? 

MONTECATINI. Bisognerà pazientare ancora un anno e mezzo, mese più mese meno, per vedere finalmente sorgere il nuovo supermercato Esselunga di via Gentile. Il progetto è firmato da un architetto montecatinese, Roberto Agnelli. Il costo dell’opera si aggira intorno ai 4 milioni e mezzo di euro soltanto per quanto concerne le opere di urbanizzazione. La società si aspetta di poter migliorare i servizi attualmente offerti nella vecchia struttura e di implementarli con nuovi, il tutto con ampia ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONTECATINI. Bisognerà pazientare ancora un anno e mezzo, mese più mese meno, per vedere finalmente sorgere il nuovo supermercato Esselunga di via Gentile. Il progetto è firmato da un architetto montecatinese, Roberto Agnelli. Il costo dell’opera si aggira intorno ai 4 milioni e mezzo di euro soltanto per quanto concerne le opere di urbanizzazione. La società si aspetta di poter migliorare i servizi attualmente offerti nella vecchia struttura e di implementarli con nuovi, il tutto con ampia facilità di parcheggio e di accesso alla struttura che si snoderà su 2.500 metri quadri di spazio vendita, senza considerare le superfici accessorie.

L’attesa. Da lustri si sentiva l’esigenza di ampliare il punto vendita Esselunga montecatinese, sorto negli anni Settanta. Troppi stretti gli spazi, troppo piccolo il parcheggio. Ma l’iter per l’avvio del progetto non è stato semplice, complici i lacci e lacciuoli tipici del sistema italiano. Eppure, allargare il servizio risulta necessario. . È noto che molti montecatinesi, quando hanno un po’ di tempo, optano per la vicina Esselunga di Pescia, più grande e più fornita. Problematiche che i gestori ben conoscono e alle quali hanno cercato di trovare soluzione acquistando il terreno situato al confine con il comune di Pieve a Nievole. Ma l’iter per ottenere autorizzazioni e quant’altro è stato indubbiamente molto più lungo di quanto previsto e ipotizzato dal Gruppo Esselunga. Anche l’amministrazione comunale ha lavorato sodo per riuscire a sciogliere i nodi della burocrazia. Esselunga Spa, con questa scelta, ha dimostrato il proprio interesse per la città di Montecatini e più in generale per il territorio. Tra Montecatini e Esselunga è stato amore a prima vista: appena aperto, il supermercato ha subito attirato a sé centinaia di famiglie che, tuttora, continuano a fare la spesa nei locali di via Lucchese.

Le novità. Nel nuovo centro commerciale verranno inseriti nuovi reparti anche se, per il momento, la società non ha dato alcuna informazione ufficiale in merito. Dopo anni di attese e burocrazia, insomma, i lavori sono stati avviati e il centro commerciale che prenderà posto, di fatto, all’uscita dell’autostrada in zona Palaterme, andrà a completare il quadro di una zona già ricca di servizi commerciali. Un’area nella quale ha trovato il suo habitat anche il nuovo e moderno punto vendita di cialde desideri, che offre anche un variegato servizio di pasticceria, caffetteria, aperitivi. Un locale avviato, probabilmente, con una strategia pionieristica e proprio con lo sguardo rivolto al futuro prossimo di quel pezzo di Montecatini. Nella stessa area sono inoltre collocati i magazzini Brico e il negozio Poltrone e Sofà. 

 L’incertezza. Permangono dubbi sul futuro della vecchia sede di via Lucchese. Dovrebbe, secondo le ipotesi più accreditate, essere dismesso oppure la proprietà potrà eventualmente mantenere un punta vendita più piccolo a servizio dell'area.