Quotidiani locali

emergenza 

L’Sos degli abitanti di Larciano Castello: «Dimenticati da tutti»

Dopo i crolli di parti delle antiche mura il 22 luglio scorso parte del paese è ancora senza luce. E la gente ha paura

LARCIANO. Tornano all'attacco gli abitanti di Larciano Castello, dopo i gravi danni prodotti alle antiche mura dal temporale che, nella notte tra il 22 e 23 luglio scorsi, si è abbattuto sul borgo medievale. La causa? Un fulmine che ha colpito con violenza la sommità della torre, facendo cadere dei massi all’interno del cassero. E le conseguenze si sono fatte ben presto sentire: il museo archeologico e il castello (con tanto di annullamento della manifestazione “La notte dell’archeologia”) sono stati chiusi.

E ora a quasi venti giorni di distanza da quegli eventi, a rincarare la dose sono i residenti del borgo, i primi a dover fare i conti con i disagi. "Ci sentiamo dimenticati - spiegano in un documento  - Qui la situazione non è affatto semplice. Dalla sera del temporale, la corrente elettrica è saltata in alcune zone e mezzo paese si trova al buio. Senza contare il fatto che, con la chiusura del museo e della torre, questo luogo è un deserto: solo pochi turisti che, però, devono accontentarsi soltanto di ammirare lo splendido panorama".

Subito dopo il temporale, i tecnici della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici delle province di Firenze, Pistoia e Prato avevano fatto un sopralluogo insieme all’amministrazione comunale per fare la conta dei danni e capire il da farsi. In quell'occasione la sindaca Lisa Amidei aveva spiegato che non era facile dare dei tempi certi, ma che la priorità era quella di mettere in sicurezza il borgo medievale e, con esso, i residenti.

"Abbiamo paura - proseguono gli abitanti di Larciano Castello - Siamo costretti a viaggiare a testa all'insù: da un momento a un altro, infatti, temiamo che dei massi possano colpirci".

Ma non solo. "Il paese, ormai è, a nostro avviso, del tutto abbandonato a se stesso. Basti guardare la fontana della piazza centrale che, da quattro mesi, ormai, perde acqua. Nonostante le nostre segnalazioni, il guasto

non è stato riparato, con uno spreco idrico, e di finanze, molto sostanzioso".

"Il nostro è un appello - concludono gli abitanti - perché le istituzioni risolvano questa situazione. Chiediamo solo di poterci sentire al sicuro nel luogo dove viviamo". —

 

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro