Quotidiani locali

a Marina di Vecchiano 

Nove monsummanesi salvati da due bagnini

Monsummano. Stavano affogando di fronte alla spiaggia libera. Due bagnini dell’Oasi Zero-Marco Polo, insieme a due militari della guardia costiera, li hanno salvati. Intervento mozzafiato attorno...

Monsummano. Stavano affogando di fronte alla spiaggia libera. Due bagnini dell’Oasi Zero-Marco Polo, insieme a due militari della guardia costiera, li hanno salvati. Intervento mozzafiato attorno alle 10.30 di ieri mattina a Marina di Vecchiano, dove nove persone di Monsummano Terme sono state salvate dai guardaspiaggia Andrea Loni e Massimiliano Luperini.

I turisti stavano trascorrendo una giornata di relax a pochi passi dal Parco di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli. Una volta in acqua sono stati sorpresi dal mare mosso in un punto dove la profondità era di due metri e mezzo, a circa sei metri dalla battigia, oltre le boe bianche.

La madre di uno dei salvati, in mare con lui e gli amici, è stata trasportata al pronto soccorso di Cisanello da un’ambulanza della Pubblica assistenza di Migliarino, che a Marina di Vecchiano ha sempre un equipaggio sul posto. La donna, secondo una prima ricostruzione, nel tentativo di rimanere a galla avrebbe ingerito troppa acqua, ma le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni. Spaventatissimi i ragazzi, tutti fra i 16 e i 24 anni, come la signora che durante i soccorsi ha chiesto ripetutamente in lacrime come stesse il figlio, già al sicuro sulla spiaggia.

Alla base delle difficoltà dei bagnanti forse

un attacco di panico collettivo, anche se il mare come da bollettino meteo ieri non era certo calmo. Per questo i bagnini sconsigliavano di tuffarsi in mare. «Così facendo – sostiene Andrea Loni – si mette a repentaglio la propria vita e quella nostra». —

STEFANO TAGLIONE.

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro