Quotidiani locali

scuole

De Amicis dimenticate? «In arrivo mezzo milione»

Il vicesindaco Rucco spiega che i finanziamenti decisi dallo Stato spostano altre risorse sul complesso di via Tevere. E dalle Chini un progetto per l’Unesco

MONTECATINI. Non saranno abbandonate a se stesse (come era circolato in questi giorni sui social network dopo che non erano state inserite nella lista dei beneficiari dei finanziamenti statali) le scuole De Amicis, sulle quali anzi l’amministrazione comunale fa convergere fondi per 540mila euro per interventi strutturali da dividere in due tranche. A rivelare questo importante investimento è stato il vicesindaco Ennio Rucco a margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo piano formativo scolastico, che riguarderà bambini e ragazzi dalla scuola per l’infanzia alle medie e che si intreccia strettamente con la candidatura Unesco delle città termali europee, circuito del quale fa parte Montecatini.

De Amicis. A “liberare” lo stanziamento e a “dirottarlo” alle De Amicis è stata la recente notizia del contributo del governo da 1,2 milioni destinato alla ristrutturazione delle Pascoli-D’Angelo (700mila euro), Don Facibeni (350mila) e alberghiero Martini (172mila). Trecentomila euro finora indirizzati alle Pascoli (e quindi extra rispetto al contributo dello Stato) sono così stati spostati dal Comune alle De Amicis, per le quali erano già stati stanziati anche altri 240mila euro. «Educare i nostri figli – ha detto Rucco – in luoghi adeguati è un obiettivo primario. E uno dei temi più urgenti da risolvere sono le scuole De Amicis. A febbraio sarà pertanto allestito il cantiere per la manutenzione del tetto, ma non sarà necessario interrompere l’attività didattica. Saranno rifatte la coibentazione e l’impermeabilizzazione e realizzate nuove scale di accesso, per una spesa totale di 240mila euro. Altri 300mila, già stanziati, saranno poi destinati al consolidamento strutturale dell’edificio, con lavori che dobbiamo però ancora mettere a bando».

Le altre. Rucco ha poi aggiunto che per le Pascoli-D’Angelo, oltre ai 700mila euro del governo, ne servirebbero altri 800mila ancora da reperire. «Ma intanto faremo uno stralcio per un primo intervento da eseguire con i finanziamenti statali e inoltre attendiamo gli interventi di insonorizzazione delle mense scolastiche Casciani, De Amicis e Don Facibeni di cui si occuperà la prossima estate l’azienda di gestione del servizio», conclude il vicesindaco (che ringrazia uffici comunali e assessore Pazzaglini per la progettazione globale dei lavori nelle scuole).

Unesco. In occasione della candidatura alla lista del patrimonio mondiale Unesco delle “Great Spas of Europe” (di cui fa parte la nostra città), l’istituto comprensivo Chini, guidato della dirigente scolastica Roberta Tommei, ha presentato poi un progetto dedicato alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale e alla sensibilizzazione ai valori promossi dall’Unesco. «Vogliamo – ha detto Tommei – rendere i ragazzi cittadini consapevoli attraverso la conoscenza del territorio, trasmettendo alla future generazioni i valori davvero importanti». Il progetto prevede (da modulare a seconda

dell’età dello studente) laboratori didattici, letture a tema, lezioni di storia dell’arte, spettacoli teatrali, pubblicazioni e allestimenti in pineta. Referente del progetto sarà l’insegnante Elisabetta Campioni.



©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori