Quotidiani locali

Verso lo stop a nuovi kebab e negozi etnici a Montecatini

La revisione del regolamento del commercio consentita dal decreto Franceschini e... gradita dall’Unesco

MONTECATINI. Stop ai kebab e ai negozi etnici. È a questo obiettivo che stanno lavorando da qualche giorno i tecnici del Comune in vista di una revisione del regolamento del commercio, che prima di entrare in vigore dovrà comunque fare un passaggio in commissione consiliare statuto e regolamenti prima della definitiva approvazione da parte della giunta. Il provvedimento, che prenderà atto delle modifiche apportate, dovrebbe comunque essere pronto per la fine del mese di gennaio 2018. Il punto di partenza di questa operazione (suggerita tempo da dall’ex assessore Moreno Mencarelli) fa leva sul cosiddetto decreto Franceschini, che ha dato il via a una serie di interventi da parte delle amministrazioni locali desiderose di mettere un freno ai minimarket e ai fast food di bassa qualità che stanno proliferando in tutte le città d’Italia. Una decisione che ha dato la possibilità di vietare o subordinare ad autorizzazione l’esercizio di attività commerciali non compatibili con le esigenze di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale locale.

«La finalità – spiega l’assessore alle attività produttive Helga Bracali – è quella di elevare la qualità dei negozi in talune aree del centro che, come prevede il decreto, dovranno essere individuate e ben delimitate. Saranno pertanto scelti quartieri con un più alto rischio degrado e seguito

l’esempio di quanto già fatto a Firenze. Una decisione che affonda inoltre le radici sulla necessità di creare una città a misura Unesco, in vista della decisione dell’ente sovranazionale circa la candidatura di Montecatini assieme alle altre città storiche termali europee».
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon