Quotidiani locali

Torna la carta filigranata con l’impresa Magnani

La storica azienda riprende la produzione a mano affidandosi all’esperienza dei maestri cartai presenti nella Valle del Pescia che saranno “volontari”

PESCIA. L’impresa sociale Enrico Magnani di Pescia, promossa dal museo della carta riprenderà la produzione di carta a mano filigranata. Storia, cultura, alto artigianato si fondono in una idea di sviluppo sostenibile, di crescita del territorio e di attenzione al sociale grazie ad un'impresa che propone se stessa come l'erede della tradizione delle antiche Cartiere Magnani di Pescia.

Il progetto sarà illustrato nell'ambito del convegno «Che impresa! Il Museo della Carta di Pescia fra cultura, crescita e territorio», che si svolgerà il prossimo 25 novembre (dalle 11 alle 18) al centro congressi Santa Caterina di Pietrabuona nell'ambito della sedicesima edizione della settimana della cultura d'impresa, promossa da Museimpresa e Confindustria. Il progetto prevede la ripresa di una produzione di carta fatta a mano filigranata, produzione interrotta agli inizi degli anni ’90 del secolo scorso, così da creare nuovi posti di lavoro in una manifattura che nella terra di Pescia affonda le sue radici fin dal XV secolo, recuperare un marchio storico conosciuto in tutto il mondo e oggi non più presente sui mercati internazionali, recuperare una antica cartiera in qualità di laboratorio artigiano, generare risorse a favore dell’associazione Museo della Carta di Pescia Onlus. Si punta in questo modo a ricostituire una “comunità di cartai” che ha radici antichissime. A questo scopo l'impresa collaborerà con una serie di figure professionali, oggi in pensione, quali mastri cartai, filigranisti, cucitrici ancora presenti nella Valle del Pescia i quali, in funzione di volontari, potranno continuare a dare il loro insostituibile contributo.

In questi primi anni il gruppo di lavoro ha realizzato nuove forme da carta con relative filigrane ma soprattutto grazie alla compresenza di mastri della Magnani in pensione e di giovani apprendisti ha operato un vero passaggio di competenze e di abilità manuali. «Il progetto è di un' importanza straordinaria – ha sottolineato Massimiliano Bini, direttore del museo della carta - ed il museo è particolarmente orgoglioso di aver creato le condizioni perché anche i due diretti discendenti dell’ultimo proprietario delle Antiche Cartiere Magnani siano oggi presenti nell’impresa, Francesco e Alessandro Magnani, che chiuderanno

con il loro intervento la sessione mattutina del convegno e la cui presenza rappresenta un importantissimo valore aggiunto». L’Impresa EMP, infine, collaborerà con la stamperia Benedetti di Pescia: due eccellenze, carta o l’arte bianca, e stampa o l’arte nera che tornano a collaborare.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista