Quotidiani locali

campioni

Gabriele Rossetti si conferma sul tetto del mondo

Il tiratore di Ponte Buggianese vince la medaglia d'oro ai campionati mondiali di tiro al volo, un anno dopo l'alloro olimpico

PONTE BUGGIANESE. Gabriele Rossetti a 22 anni si conferma numero uno al mondo nella specialità del tiro a volo skeet. Il cecchino di Ponte Buggianese, vincitore un anno fa alle Olimpiadi di Rio e si è riconfermato al Fox Lodge di Mosca con la conquista del titolo iridato del 2017. Rossetti ha poi fatto il bis grazie all'oro a squadre vinto insieme a Tammaro Cassandro e Riccardo Filippelli.
Rossetti ha affrontato il Mondiale russo con la consapevolezza di essere al top della preparazione e lo ha voluto ribadire componendo un perfetto percorso di approccio alla finale. L'azzurro di Ponte Buggianese ha conquistato l'accesso al sestetto dei duellanti da primo della classe con un solidissimo 123/125 che nessun altro dei fuoriclasse in gara a Mosca aveva saputo imitare. Erano le premesse per una gara che alla fine lo ha visto trionfare. Ultimo ostacolo, il tedesco Vincent Haaga, che però alla fine esce battuto per 54 a 52.
"Tutto quello che so di questo mio sport, lo devo proprio agli insegnamenti di mio padre Bruno - ha dichiarato Rossetti appena vinto il titolo - È lui che mi ha insegnato a gareggiare: che è una cosa diversa dal semplice

puntare alla vittoria. Gareggiare è conoscere i propri limiti e tutte le proprie capacità, valutare le proprie forze e le forze degli avversari. Gareggiare è lavorare su tutti questi elementi e farne davvero un'arma per raggiungere i traguardi che si vogliono perseguire".
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie