Quotidiani locali

Due rotonde all’uscita dell’autostrada a Pieve a Nievole  

Dall’incontro con il ministro Graziano Delrio l’ok del governo per le opere inserite nel progetto preliminare del 2014

PIEVE A NIEVOLE. Due rotatorie: una sulla regionale Francesca (che nel tratto di Pieve si chiama via Roma), e l’altra tra la fine del cavalcavia che porta alla stazione di piazza Italia, a Montecatini, e il casello dell’autostrada. Le infrastrutture sono inserite nel progetto preliminare del 2014 che segue il protocollo d’intesa per gli interventi di Autostrade per l’Italia nella Toscana.

E dopo decenni di attesa (se ne parlava già nell’anno 2000 in un accordo Stato-Regioni) qualcosa di positivo si muove, tanto che il sindaco di Pieve a Nievole, Gilda Diolaiuti, parla di lavori che «potrebbero iniziare già nel 2018». Mercoledì 19 aprile, nella sede del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a Roma, Diolaiuti, l’ingegnere comunale Alessandro Rizzello e il deputato Pd Edoardo Fanucci, hanno incontrato il ministro Graziano Delrio per valutare la realizzazione della rotatoria all’uscita del casello autostradale di Montecatini.

La sistemazione della viabilità con due rotonde ravvicinate, dopo il parere favorevole della Provincia di Pistoia, della Regione Toscana e dei Comuni interessati all’opera, ha ricevuto nell’occasione il via libera dal Governo, un ok a quanto sembra definitivo, «che potrebbe finalmente sbloccare i cantieri di un’opera centrale per il traffico dell’area», conferma il sindaco di Pieve. Nelle intenzioni dovrebbero risolvere l’annosa questione dello svincolo in ingresso e uscita dalla barriera di Montecatini dell’A11, sempre più ingolfato e pericoloso, causa di file e incolonnamenti che si avvertono fino ai centri abitati di Montecatini e Monsummano.

Commenta in proposito Fanucci: «Il raddoppio ferroviario e la conseguente viabilità sostitutiva cambieranno radicalmente una parte del nostro territorio, ma rimane assolutamente necessario provvedere in tempi brevi alla realizzazione della rotatoria, in una zona strategica congestionata negli anni da crescenti criticità di traffico. Dopo oltre quindici anni, non è stato ottenuto nulla di conclusivo nonostante molteplici variazioni e rielaborazioni progettuali. È quanto mai urgente adottare una soluzione in grado di rispondere adeguatamente ai problemi di traffico in questo nodo stradale. Abbiamo promosso l’incontro con questo obiettivo, in modo da sbloccare una situazione con pesanti conseguenze sulla viabilità, la vita dei cittadini e lo sviluppo del territorio».

Per il sindaco di Pieve «la strada è ancora

lunga, ma sono sicura che oggi è stato compiuto un passo avanti verso la realizzazione dell’opera. Usciamo dall’incontro con la speranza che il progetto preliminare non subisca modifiche e dunque si possa procedere velocemente alla realizzazione delle rotonde senza espropri di suolo privato».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare