Quotidiani locali

Ferrovia, Bellandi annuncia il terzo lotto

È quello che riguarderà Montecatini e i comuni vicini. Nel frattempo resta tutto com’è

MONTECATINI. «Nell’incontro sul raddoppio della ferrovia ci aspettavamo una dimostrazione di maggiore analiticità e progettualità. Non abbiamo avuto modo di verificare le carte prima dell'incontro e, ad oggi, non siamo in grado di stabilire e organizzare eventi con la cittadinanza perché sprovvisti di prospetti, progetti e soluzioni tecniche, documentazione necessaria a rendere proficui e operativi tali appuntamenti. Siamo già a lavoro per colmare questa mancanza».

Il sindaco Giuseppe Bellandi (Foto...
Il sindaco Giuseppe Bellandi (Foto Nucci)

Inizia con una critica neanche tanto velata l’intervento del sindaco Giuseppe Bellandi arrivato nella serata di giovedì 16 febbraio a chiarimento del pomeriggio fiorentino. E la sua versione contribuisce a gettare una luce più chiara sulle decisioni prese. Eccole. «Raddoppio della ferrovia Pescia - Lucca: avvio progettazione definitiva. Tavolo tecnico per la realizzazione futura del terzo lotto nei Comuni di Montecatini, Massa e Cozzile, Buggiano e Uzzano, Pescia. Risorse per opere compensative ai Comuni. È stato definito, inoltre, che i risparmi di gara che deriveranno dal secondo lotto verranno stanziati, vincolati e destinati alla realizzazione del terzo lotto».

Terzo lotto è la nuova definizione di Bellandi. Cioè, da Montecatini a Pescia si dovrà ripensare in maniera del tutto diversa rispetto a oggi un ulteriore lotto di lavori.

leggi anche:

«La Regione ha colto la nostra richiesta di estrapolare Montecatini dal secondo lotto, prospettandone uno a noi dedicato. Inoltre, valutiamo favorevolmente l'apertura concessa ad altri Comuni limitrofi inseriti nel nuovo lotto progettuale. Contestualmente all'avvio del secondo lotto da Pescia a Lucca, verrà istituito un tavolo tecnico per ricercare la migliore soluzione possibile per completare il raddoppio».

Alcuni passaggi ritenuti da Bellandi indispensabili. «Le risorse già stanziate per la realizzazione dell'opera dovranno restare “ancorate” e non destinate ad altri interventi o territori. Nello specifico, dovranno essere messe a disposizione dei Comuni del terzo lotto, per opere compensative da realizzarsi da subito, ovvero già nel secondo lotto. Opere da programmare con dette risorse: riqualificazione delle stazioni, miglioramenti dei tratti viari collegati e attigui alla ferrovia, sovrappassi pedonali/ciclabili, solo per fare alcuni esempi. Il tutto propedeutico alla realizzazione del proseguo della tratta. Inoltre, dovrà essere garantita la certezza della realizzazione del terzo lotto, vincolandolo a impegni chiari e pragmatici, che il tavolo tecnico si impegnerà a portare avanti con la Regione, il Governo e i Comuni interessati».

Intanto, per chiarire meglio: fino all’avvio del terzo lotto, a Montecatini resta tutto com’è. Cioè: binario unico e i tre passaggi a livello che ci sono oggi. Poi si vedrà. (a.g.)

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare