Quotidiani locali

Ancora un incidente alla finta rotatoria

In attesa dei lavori all’incrocio di Uzzano altri automobilisti ingannati dal gioco delle precedenze, feriti due turisti

UZZANO. I lavori - per 180mila euro - sono stati assegnati già da qualche mese e, secondo le previsioni dello scorso marzo, sarebbero dovuti partire prima della fine della primavera. Ma, si sa, tra le previsioni sono una cosa, e la realtà è un’altra, e a parte qualche opera propedeutica il cantiere per la realizzazione della rotonda al confine tra Uzzano e Buggiano non è stato ancora aperto. E, nel frattempo, proseguono gli incidenti.

Ieri l’ultimo di una lunga serie di episodi: poco prima delle 10,30, probabilmente ingannata da quella che sembra un rotatoria, ma in realtà non lo è, una coppia di turisti ungheresi, al volante di un’Opel Corsa, si è scontrata con un’altra auto. Un urto violento, al punto che l’Opel si è rovesciata, e per soccorrere i due occupanti sono dovuti intervenire anche i vigili del fuoco. Per la cronaca fortunatamente i due non hanno riportato gravi ferite: soccorsi dalla vicina Pubblica assistenza di Uzzano, sono stati trasportati – più per controllo che per cura – all’ospedale.

Più che il caso del singolo incidente, però, a preoccupare è la regolarità di questi episodi, che trovano una facile spiegazione nella conformazione di quell’incrocio: la forma ad anello potrebbe far pensare a una rotatoria classica, di quelle dove a dare la precedenza è chi deve entrare, mentre chi vi transita ha sempre la precedenza. In realtà non è così. Quando, anni fa, fu realizzata, fu una delle primissime rotatorie della Valdinievole e all’epoca effettivamente contribuì a ridurre la pericolosità dell’incrocio precedente. Però, con il passare degli anni, e con il diffondersi delle rotatorie vere e proprie, per le quali son previste regole ben precise sulla precedenza, quell’incrocio si è trasformato da elemento di sicurezza a fattore di pericolo.

Le precedenze sono regolate dalla segnaletica verticale e, seppur consunta, da quella orizzontale, e prevede in alcuni casi la precedenza per chi è sulla rotatoria e, in altri, per chi ci si deve immettere. In particolare chi arriva da Pescia e va verso Borgo ha la precedenza nell’ingresso alla rotatoria, e – nonostante un segnale di pericolo lampeggiante – chi da Borgo va verso Alberghi, abituato alle “rotatorie standard”, se non conosce la zona può essere tratto in inganno, e tagliare la strada convinto di avere lui la precedenza. Questo lo schema classico del (diffuso) incidente tipo che avviene a quest’incrocio. Così come non son mancati tamponamenti provocati da chi, immettendosi nella rotonda, convinto di dover dare la precedenza (quando invece è sua) inchioda all’improvviso.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Montecatini Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.