Quotidiani locali

corrilunigiana 

Strafossone, la grande festa del podismo Duecento adulti al via, cinquanta i bambini

Apprezzata la novità assoluta di questa quindicesima edizione, il passaggio nel circuito Fossoncross. Ok l’organizzazione

CARRARA . Protagonista il gran caldo di luglio, è andata in scena la quindicesima edizione della Strafossone, nel nuovo suggestivo percorso ridisegnato da un Giorgio Malacarni in grande spolvero, con tutto il suo staff, nell'allestire un prima durante e dopo gara perfetto. Novità assoluta del percorso il passaggio per ben due volte all'interno del Fossoncross, molto piaciuto ai numerosi atleti giunti a Fossone domenica mattina. Circa duecento gli atleti adulti allo starter, 50 piccoli runnerini che hanno corso e giocato tutta la mattinata e un folto gruppo di appassionati per la gara ludico motoria.

Tantissimi nomi di spicco per lo sport locale, vedi il leone Stefano Ricci, il marocchino Khalid Gaout che si presentava a Fossone fresco vincitore di Comano in gran spolvero, (favori del pronostico per lui ), Giacomo Figoli alla ricerca della forma migliore, Diego Garbugino, Leonardo Razzuoli, Riccardo Quilico, Davide Pruno, gentil sesso la padrona di casa Elena Bertolotti, la forte atleta fresca di cambio casacca con i colori della pro Avis Isabella Morlini, Luciana Bertuccelli reduce dal meeting del marmo, la sempre presente Maria Luisa Spadoni e via via tutti gli altri.

Subito gran ritmo imposto da Garbugino, atleta del Parco Alpi Apuane, Khalid Gaout (Golfo dei poeti), Leonardo Razzuoli Atletica Camaiore che fanno vedere subito di voler lottare per la vittoria, due giri della Fossoncross, dove Gaout incomincia la sua cavalcata trionfale per giungere in solitaria dall'arco gonfiabile all'interno delle scuole elementari, accreditato un ottimo 32 minuti e 31 secondi, lasciandosi dietro a 45" il portacolori del gruppo alpi Apuane Diego Garbugino che finiva in otto a spinta e in volata su Razzuoli; quarto il leone di casa Stefano Ricci per i colori dell'Atletica Vinci, poi Federico Baciani (Montecatini Marathon), Giacomo Figoli, Riccardo Quilico, Pruno Davide. Da segnalare il rientro in gara dopo un piccolo intervento agli occhi di nonno Mario Paglionico (Atletica Arci Favaro) che come sempre e stato applauditissimo all'arrivo. Basta scorrere ancora pochi atleti e si arriva alla sedicesima posizione assoluta, e trovare un'altra potente e preparatissima runner: Isabella Morlini, l'atleta di Reggio Emilia quando si catapulta verso il mare è sempre presente nella nostre gare. Sei presenze e sei vittorie, quando si vede lei nel parterre si può già stilare ordine di arrivo. Chi voleva fare bella figura era la padrona di casa Bertolotti, con i colori a scacchi dei Gas runner, purtroppo la Morlini era innavicinabile infatti Elena ha accusato circa 60" di distacco ma una gran bella prova anche per lei; terza Luciana Bertuccelli reduce da meno di 24 ore dal meeting del marmo in pista dove si è ben destreggiata, dietro una Valentina Fruzza alla ricerca della forma migliore che corsa dopo corsa sta progredendo, poi Michela Sotgia, Odette Ciabatti, Luciana Aresu, Maria Luisa Spadoni, Milena Santunione, poi una certa Astid Gagliardi che era scesa da Milano dicendo agli organizzatori di preparare il premio per la vincitrice voleva il pettorale della maratona, però si è dovuta accontentare del primo posto di categoria.

Tantissimi i runnerini a Fossone con la loro coach Vittoria Bertelloni sempre in primo piano nel dare consigli e fare dirette sui social per tutti.

Che

aggiungere, archiviata la Strafossone, la carovana dei runner si sposta in Lunigiana giovedì 26 luglio (ore 21) per la Stranotturna del vino a Fivizzano. Domenica 29 luglio tutti a Casola in Lunigiana (ore 17) per il trofeo Sanpellegrino. —

ORDINI D’ARRIVO E ALTRE FOTO A PAG. 31.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro