Quotidiani locali

Procedono separate le trattative con gli imprenditori interessati Si tratta di realtà esterna al circuito cittadino, ultimo termine il 21  

Vendita Massese, i tifosi in contatto con due cordate

i retroscenaSarebbero due le cordate in ballo per rilevare il pacchetto di maggioranza della Massese. La tifoseria bianconera, da qualche giorno diventata proprietaria pro tempore dello storico...

i retroscena

Sarebbero due le cordate in ballo per rilevare il pacchetto di maggioranza della Massese. La tifoseria bianconera, da qualche giorno diventata proprietaria pro tempore dello storico sodalizio con l'obiettivo di consegnare le sorti della prima squadra cittadina nelle mani di imprenditori solidi e con un progetto altrettanto credibile che possa rilanciarla nel calcio che conta, sono in continuo contatto con degli investitori la cui identità, ovviamente, resta celata dal più stretto riserbo.

Nella serata di ieri, i rappresentanti della tifoseria hanno incontrato la prima delle due cordate che sarebbero in ballo, ma sull'esito di questo primo face - to face se ne saprà qualcosa di più nelle prossime ore. Da un primo, accurato, giro di verifiche effettuato dai tifosi stessi, entrambe le cordate sarebbero credibili e solide.

L'unica cosa che è trapelata relativa al gruppo incontrato ieri è che si tratterebbe di imprenditori provenienti dal nord Italia che vorrebbero investire nel capoluogo apuano. Di traccia di imprenditori locali, per il momento nemmeno l'ombra.

In questo senso, per cercare di unire una cordata del luogo potrebbe (dovrebbe) avere un ruolo decisivo l'amministrazione comunale con un'azione di moral suasion agevolando la possibilità che la Massese torni nelle mani del tessuto produttivo apuano, la soluzione peraltro prediletta dalla stessa tifoseria. Il fatto che i tifosi, al di là di tutto, tengano il punto sul voler mantenere una quota di minoranza nella prossima società, facendosi loro stessi garanti di un progetto attraverso un rappresentante fisso all'interno del consiglio d'amministrazione, deve essere visto come un fattore positivo che inibisca l'arrivo di avventurieri o avvoltoi che abbiano individuato nella Massese una preda da spolpare o sulla quale speculare. Come evidenziato nei giorni scorsi, i rappresentanti degli Ultrà zebrati si sono dati una scadenza

attorno al 20, 21 luglio per prendere una decisione definitiva attorno alle proposte arrivate sul tavolo; nel caso in cui nulla dovesse accadere, saranno gli stessi supporter a portare avanti la Massese nel prossimo campionato di serie D. —

ALESSANDRO TABARRANI

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro