Quotidiani locali

La Massese adesso ci crede La vetta è distante 3 punti

I bianconeri hanno infilato tre vittorie consecutive dopo la contestazione Con Savona, Ponsacco e Seravezza perse delle occasioni importanti

MASSA . Con la vittoria sul sorprendente Scandicci e altri risultatati favorevoli la Massese si porta saldamente nel gruppetto delle squadre che guidano ed hanno i favori dei pronostici per la promozione. Il gruppetto comprende Ponsacco (26), Viareggio (25), Sanremo (24), Massese e Seravezza (23), poi Lavagnese (20) ma deve recuperare la trasferta di Ligorna, e il Real Forte Querceta (16) che con le ultime vittorie ed il rinforzo di Gentili si sta riportando sotto. Ora viene il bello. Dunque la Massese ha vinto una gara importantissima con lo Scandicci rinforzato dagli ultimi arrivi ed ha superato uno scoglio che sarà difficile da superare anche per gli altri. Ma la squadra bianconera, come ha ammesso anche mister Zanetti nel dopo gara, ha sofferto troppo. Ha margini di miglioramento e crescerà ancora ma dovrà arrivare a non soffrire tanto per vincere certe partite altrimenti si rischia che con qualche episodio sfavorevole, come accaduto nelle prime giornate, tutto venga vanificato.

Infatti nelle prime partite ha perso diversi punti per episodi favorevoli agli avversari, vedi Savona, Ponsacco e Seravezza, ora però qualcosa è tornato come la domenica precedente, pur vincendo meritatamente 3-0 e ieri con le occasioni finali degli avversari. Ma sappiamo che la società è a conoscenza di cosa servirà per alzare ancora la qualità della squadra, anche se mister Zanetti ha fiducia nei suoi ed alla vigilia della gara con lo Scandicci lo aveva confermato, anche per motivare ulteriormente la squadra. Contro la formazione fiorentina abbiamo avuto la conferma della sicurezza che Feola dà alla squadra, il pacchetto difensivo è in linea con i valori della categoria con un Raimo che sorprende sempre di più anche se ieri nella prima parte ha dovuto soprattutto badare a non sguarnire la sua corsia dalle incursioni iniziali di Iaquinandi (per fortuna nostra uscito dopo 10 minuti) e da quelle di Bartoccini, poi nella ripresa con il calo di quest'ultimo ed anche il suo spostamento centrale Raimo è tornato a stantuffare, l'azione della rete di Del Nero ha completato un capolavoro.

In mezzo Amico e Fenati sono grandi lavoratori, hanno anche avuto l'occasione per segnare ma è andata male. L'attacco
è il reparto più completo. Frugoli, Benedetti, Taddeucci, Del Nero e Papini sono davvero un bel patrimonio sostenuti da Remorini e Spinosa che cantano e portano la croce, costruiscono e segnano, specialmente Remo con cinque reti.

Aldo Antola

©RIPRODUZIONE RISERVATA .

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista