Quotidiani locali

pianeta scuola 

Ecco i dirigenti scolastici con doppio incarico

L’ufficio regionale ha pubblicato l’elenco delle reggenze: solo un cambiamento, Alessandra Valsega all’Ic Massa 3

MASSA-CARRARA

L’Ufficio scolastico regionale ha pubblicato l’elenco delle reggenze annuali e degli incarichi di presidenza conferiti ai dirigenti scolastici in Toscana per l’anno scolastico 2018/2019.

Nella nostra provincia sono state confermate tutte le reggenze dell’anno scorso, a cui se ne sono aggiunte altre due a seguito di pensionamenti.

Solo una dirigente scolastica ha cambiato titolarità. Si tratta di Alessandra Valsega, passata all’Istituto comprensivo Massa 3, ma mantenendo la reggenza della Direzione didattica Massa 2, scuola di precedente titolarità. Alla presidenza del Liceo scientifico “Guglielmo Marconi” di Carrara resterà Marta Castagna, impegnata anche come dirigente titolare all’Istituto di istruzione superiore “Domenico Zaccagna-Galileo Galilei” della stessa città. Sempre a Carrara, confermate le dirigenze di Tosca Barghini all’Istituto comprensivo “Gino Menconi” e di Anna Rosa Vatteroni, che, impegnata anche come preside titolare al Polo artistico “Artemisia Gentileschi”, continuerà a guidare il Centro provinciale di istruzione per gli adulti (Cpia 1).

Anche a Massa Marilena Conti e Stefania Figaia resteranno rispettivamente all’Istituto comprensivo “Malaspina-Staffetti” e al Liceo scientifico “Enrico Fermi”. In Lunigiana l’Istituto comprensivo “Don Florindo Bonomi” di Fosdinovo potrà contare nuovamente sulla preside Anna Maria Florio, che guida anche la “Giuseppe Taliercio” di Carrara, scuola della stessa tipologia.

Conferme anche a Pontremoli per Maria Grazia Ricci all’Istituto comprensivo “Paolo Ferrari” e per Michela Bugliani all’Istituto superiore “Paolo Belmesseri”. Paola Bruna Speranza resterà all’Istituto comprensivo “Antonio Moratti” di Fivizzano ed Enrica Ravioli al “Dante Alighieri” di Aulla, istituto analogo.

A dirigere l’Istituto superiore “Leonardo da Vinci” di Villafranca sarà ancora Sonia Casaburo. Da notare che nella nostra provincia le Istituzioni scolastiche sono 33 ed i dirigenti 20. «E’ evidente, dunque, -osserva la preside Castagna- che la maggior parte di essi ha anche una reggenza in una scuola scoperta e sono pochissimi quelli che gestiscono un solo istituto. Alcuni presidi del nostro territorio, poi, si trovano a dover dirigere scuole distanti decine di chilometri, salendo dalla costa alla Lunigiana».

Il fenomeno della penuria di presidi non riguarda solo Massa-Carrara. Secondo l’Anief, infatti, la media italiana è di una scuola su quattro senza dirigente titolare. La nostra provincia, però, la supera ampiamente, anche non raggiungiamo i casi limite dell’estremo ponente ligure, dove alcuni presidi hanno due o addirittura tre reggenze, o di Sardegna e Friuli Venezia Giulia, in cui i dirigenti mancanti sono

il 40%. «Inoltre, -conclude la professoressa Castagna- siamo in attesa dell'espletamento delle procedure del nuovo concorso per dirigenti, di cui si è svolta la prova selettiva a luglio, ma che non vedrà nomine almeno fino al 1° settembre 2019». —

DAVID CHIAPPUELLA

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro