Quotidiani locali

l’evento 

Con Ovadia a Maggiani “Fino al cuore della rivolta”

Il festival si svolgerà nel bosco del museo della Resistenza ed è stato presentato simbolicamente nella sede dell’Anpi

CARRARA

Moni Ovadia, Francesco Motta, la Banda Osiris, lo scrittore Maurizio Maggiani: sono solo alcuni dei grandi nomi che saranno protagonisti del Festival "Fino al cuore della rivolta" di Fosdinovo, in scena dal domani al 7 agosto al museo della Resistenza. «Credo che una delle ragioni del suo successo sia proprio quel bosco di castagni secolari» afferma Alessio Giannanti di Archivi della Resistenza alla presentazione della rassegna nella sede provinciale Anpi. Sui cancelli di viale Potrignano sono state disegnate delle svastiche in due occasioni quest’anno, rispettivamente nella notte del 16 e del 26 maggio. «Sono episodi che solo qualche anno fa sarebbero stati inimmaginabili nella nostra città – commenta Giannanti – oggi purtroppo assistiamo a una recrudescenza del razzismo e dell’ideologia nazifascista in tutto il Paese». Nando Sanguinetti, veterano Anpi, il fascismo l’ha vissuto sulla sua pelle, da bambino: «In una fase pericolosa come questa è nostro dovere mantenere accesa la fiaccola della libertà democratica».

«In un periodo di disinteresse per i valori della Resistenza e per la cultura in senso lato, col nostro lavoro dal basso siamo riusciti a coinvolgere un pubblico eterogeneo – spiega Giannanti con soddisfazione – inclusi molti giovani. Lo considero un miracolo, a fronte del drammatico calo dell’offerta culturale: dopo il Lunatica e Urla Padula si avvia a scomparire anche il Pollege. Oltre a rinnovarci anagraficamente, guardiamo alla contemporaneità: la Resistenza può aiutarci ad esprimere valori migliori». Moni Ovadia, alle 21 di sabato comporrà una vera e propria orazione civile sulla Resistenza. La Storia, la memoria, sono punti cardine dell'iniziativa: «Il 2018 è un anno in cui si celebrano tre anniversari – spiega Giannanti – la fine della Grande Guerra, l’emanazione delle leggi razziali e la nascita della Costituzione. Corrono 40 anni dall’approvazione della legge

Basaglia: per questo lunedì ascolteremo la recisione dell’album “E ti chiamano matta” di Gianni Nebbiosi, uno psichiatra che visse il manicomio da paziente».

Tra le passioni civili anche l’amore, oggetto del nuovo romanzo che Maurizio Maggiani presenterà domenica 5. —

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro