Quotidiani locali

soccorso alpino 

Cade e si frattura una gamba a Torsana Ore da incubo per tre escursionisti

A causa dell’infortunio non riuscivano a tornare a valle con le proprie forze. Intervento dei volontari del Sast per il recupero

COMANO. Giornate di intenso lavoro per i volontari del soccorso alpino. Oltre all’anziano lunigianese morto sul Sagro, in località Foce di Pianza, sabato mattina mentre raccoglieva erbe aromatiche, il Sast è dovuto intervenire altre due volte sulle nostre vette. Una si è conclusa con il recupero di un terzetto di amici che non riusciva più a tornare a valle perché uno di loro era caduto e si era fatto male a una gamba, l’altra per cercare l’uomo sparito da giovedì scorso. Ma in questo caso di Aldo Folignani, pensionato di Campiglione, nessuna traccia.

Come detto invece hanno avuto lieto fine le ricerche dei tre escursionisti che risultavano dispersi dal primo pomeriggio di sabato. Erano stati loro ad avvisare le forze dell’ordine che era successo un imprevisto e quindi non potevano tornare alla base. Il problema però era che non sapevano spiegare esattamente in quale punto si trovassero. Soltanto la zona: a Torsara, frazione di Comano. Un’area però difficile da perlustrare, a causa della fitta vegetazione. E infatti quelli del soccorso alpino hanno faticato parecchio per trovarli, anche se sono sempre stati in contatto con loro. Tranquillizzandoli e rincuorandoli. Perché a un certo punto sembrava che le ricerche potessero dare esito negativo, costringendo i tre amici a passare altre ore al buio. Invece intorno alle 21 la localizzazione e il trasporto del ferito all’ospedale, dove è stato medicato e dimesso.

Sono invece proseguite anche ieri senza alcun esito le ricerche di Aldo Folignani, il settantottenne del quale si sono perse le tracce da giovedi scorso. Nonostante una grande mobilitazione di uomini, mezzi e cani molecolari ( circa una ventina), l’anziano, che è stato visto l’ultima volta la sera di giovedi scorso a Gragnola, non è stato ancora ritrovato. Le operazioni di ricerca sono incentrate nella zona boschiva e molto impervia di località Arpa di Monzone. È qui che sabato pomeriggio è stata ritrovata l’auto del pensionato, una Fiat Panda Cross di colore verde, che era abbandonata con le chiavi nel cruscotto in un sentiero difficilmente percorribile anche dai mezzi fuori strada. E con il passare delle ore crescono i timori per le sorti dell’anziano che si sarebbe allontanato volontariamente dopo aver fatto visita alla moglie Adriana Storti ricoverata all’ospedale di Fivizzano. Sul posto per seguire

la vicenda si è recato anche il sindaco Paolo Grassi il quale ha provveduto a portare cibo e bevande alle squadre di ricerca impegnate ormai da giorni senza sosta in un territorio boschivo molto impervio e dove non è facile districarsi nella folta vegetazione. —

MARCO LANDINI .

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro