Quotidiani locali

grido d’allarme dei sindacati dei medici 

«Attenzione, alla Partaccia solo infermiere senza medico»

Massa-Carrara, Smi e Snami annunciano lo stato di agitazione e si appellano al loro Ordine «Per due mesi niente dottore sull’ambulanza in quella postazione, è assurdo»

MASSA-CARRARA. Grido d’allarme dei sindacati medici Smi e Snami: «Dal primo luglio fino al 31 agosto alla Partaccia, a bordo delle ambulanze i medici del 118 verranno sostituiti da infermieri». E ricordano: «Fino all’anno scorso, l’assetto era così composto: 1 medico h/24 zona Massa e monti, 1 Medico h/12 zona costa Massa, 1 medico h/24 zona Carrara e monti, 1 Medico h/12 zona Costa Marina di Carrara, 1 Medico h/12 zona Caniparola/Fosdinovo, 1 Medico Ven/Sab h/12 notturne zona Partaccia, 1 Medico h/24 Luglio-Agosto zona Partaccia, 5 Medici con infermieri nel comprensorio Estrattivo del Marmo bacini Massa-Carrara»

E invece, spiegano, «Dal primo luglio il servizio sarà così composto: 1 medico h/12 diurne con Infermiere in automedica a Massa + h/12 notturne solo Medico; 1 medico h/12 diurne con Infermiere in automedica a Carrara + h/12 notturne solo Medico; 1 medico h/12 zona Caniparola/Fosdinovo; 1 infermiere h/24 Luglio-Agosto zona Partaccia; 1 medico con infermiere nel comprensorio Estrattivo del Marmo; 4 infermieri nel comprensorio Estrattivo del Marmo (anche nei regimi di ore straordinarie)». Non solo: «L’automedica, che il 19 giugno scorso ha compiuto un anno, ha sostituito i quattro medici della zona Massa-Carrara con due medici con infermiere».

Dicono i sindacati dei medici: «Dall’assetto territoriale del 118 (2016), con quattro postazioni medicalizzate, sono state sostituite due di esse con le automediche (mezzo di soccorso con medico e infermiere) supportate da ambulanze demedicalizzate Bravo (rappresentate da mezzo di soccorso con volontari attestati Bls-d).Inoltre la copertura notturna dei fine settimana a luglio e agosto è stata sostituita dall’infermiere che opera con l’ambulanza India. I mezzi Mike (medicalizzati) sono stati sostituiti dalle Ambulanze “India”, cioè ambulanze formate da soli infermieri come personale sanitario, affiancati dai volontari soccorritori delle associazioni. Ciò facendo la Regione, sta sostituendo la figura medica con quella degli infermieri». Si chiedono i medici: «A questo punto logica la domanda: chi effettuerà le diagnosi e la relativa terapia d’emergenza che, per legge, spetta solo ed unicamente al medico dopo attenta visita del paziente? L’Asl “giustifica” questa scelta con il sostenere che non c’è il personale medico sufficiente e che con gli infermieri risparmia: nulla di più falso. A Massa-Carrara il personale sanitario del 118 fino ad ora aveva sempre garantito la copertura dei turni estivi, e anche quest’anno era stato predisposto il calendario di servizio per i mesi di Luglio e Agosto (con area Partaccia compresa».

Secondo Smi e Snami di Massa

e Carrara «questo progetto di demedicalizzazione porterà all’inevitabile sovraccarico del Pronto Soccorso. Come sindacati siamo molto preoccupati e fin da ora iniziamo la mobilitazione dei nostri iscritti. Ci piacerebbe conoscere anche il parere del nostro Ordine professionale». —

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro