Quotidiani locali

Ucciso da un malore a 41 anni: "Era solare e si dedicava agli anziani infermi"

Andrea si è spento all’improvviso mentre era in casa con la madre. La famiglia ringrazia i soccorritori: «Hanno fatto di tutto»

CARRARA. Marina di Carrara piange Andrea Lucchetti, il pittore “buono” che amava raffigurare i paesaggi del litorale. 41 anni, è morto all’improvviso venerdì 23 febbraio a seguito di un malore che lo ha colpito mentre si trovava in casa.

«Era in salute, non fumava ed era molto attento al suo regime alimentare» racconta la madre Marusca Dell’Amico. Madre e figlio vivevano insieme soli, dopo la scomparsa qualche mese fa del padre dell’uomo. La donna si trova in casa quando Andrea è stato colpito dal malore, mentre si trovava solo nella sua stanza. Sul corpo dell’uomo è stata disposta l’autopsia.

«Era altruista, solare e si prodigava sempre per gli altri attraverso la nostra comunità cercava di dare il suo contributo. In particolare si era dedicato all’assistenza degli anziani dopo essere stato vicino alla nonna inferma» prosegue la mamma.

Intanto i famigliari vogliono ringraziare i soccorritori del 118: «Sono arrivati subito e hanno fatto davvero di tutto per salvargli la vita» riferisce la madre, che esprime parole di apprezzamento e riconoscenza anche per i vicini di casa e per la comunità locale dei Testimoni di Geova. «Mi sono stati tutti molto vicino dopo quello che è successo. Al funerale sono venuti in tantissimi» aggiunge la donna.

Sì perché Andrea era molto ben voluto, non solo tra i Testimoni di Geova, ma in tutto il litorale. Appassionato di pittura, amava raffigurare soprattutto paesaggi “marinelli” ispirati ai luoghi dove era nato e cresciuto. Un hobby che lo aveva portato a realizzare anche qualche piccola esposizione, a livello amatoriale, ma che gli avevano dato una grande gratificazione.

«Era un ragazzo dal cuore d’oro, generoso, sempre pronto ad aiutare tutti e con questa passione per la pittura davvero spiccata»

conferma Massimo Andreani dalla comunità dei Testimoni di Geova di Massa-Carrara.

A seguito del decesso, la sua famiglia ha acconsentito alla donazione delle cornee: Andrea così continuerà ancora una volta ad aiutare il suo prossimo.

(C. C.)

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro