Quotidiani locali

l'indagine

Antincendio, vigile del fuoco nel mirino

Sotto inchiesta per i certificati l’ingegner Marco Frittella. Era in servizio al comando di Massa come funzionario

MASSA. L’inchiesta è partita da una denuncia depositata in Procura: qualcuno ha avuto la sensazione che i certificati di prevenzione incendio (i cosiddetti C.p.i) prodotti in un determinato lasso di tempo fossero stati rilasciati con una presunta certa “leggerezza”, senza tutta la documentazione necessaria o chiudendo un occhio su alcune debolezze degli impianti antincendio o con iter burocratici troppo rapidi.

A quella denuncia ha fatto seguito l’apertura di un’inchiesta: gli inquirenti hanno passato al setaccio gli atti e sotto indagine è finito l’ingegner Marco Frittella, ex funzionario dei vigili del fuoco di Massa e addetto all’antincendio, ora in servizio in altro comando. All’apertura del fascicolo, gli inquirenti hanno ipotizzato il reato falso (articolo 476 codice penale) in relazione al rilascio della documentazione antincendio necessaria per edifici pubblici, ditte e magazzini. Dopo una prima verifica e primi riscontri, l’indagine, condotta dal sostituto procuratore Alessia Iacopini, si sarebbe estesa a diversi certificati rilasciati dal funzionario nel periodo di tempo indicato da chi ha presentato denuncia in Procura. È nell’ambito di quella stessa inchiesta, infatti, che scattano i sopralluoghi al teatro Guglielmi, con successivo verbale dei vigili del fuoco e sequestro dell’immobile (allo stato dei fatti non risulta alcun coinvolgimento del Comune che è parte lesa). E in seguito a quella stessa inchiesta i periti della Procura effettuano sopralluoghi alla Iglom, l’azienda leader nel settore dei lubrificanti. Ma di accertamenti simili sono state oggetto anche altre ditte, a Massa e in Lunigiana. È proprio per effettuare i sopralluoghi che emerge un’indagine in corso: il sopralluogo, infatti, come gli altri accertamenti, impone che siano informati del fascicolo aperto i diretti interessati.

L’inchiesta sulle certificazioni antincendio prosegue e gli inquirenti stanno verificando il coinvolgimento di terzi e l’eventualità che possano essere ipotizzati altri reati oltre al falso. In particolare stanno cercando di capire se i certificati “facili” siano stati rilasciati in cambio di favori. I legali dell’ingegner Frittella, contattati telefonicamente, hanno preferito non rilasciare alcuna dichiarazione.

Le

indagini sono comunque ancora in corso, non è escluso, quindi, - è doveroso ricordarlo - che quelle che adesso sono soltanto ipotesi accusatorie siano smentite dai fatti e che la stessa posizione dell’ingegner Frittella possa essere archiviata.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon