Quotidiani locali

«Qui a Carrara ho avuto il trampolino di lancio»

Marcello Lippi parla della stagione in azzurro e fa un in bocca al lupo a Baldini. Una giornata alla Camera di commercio tutta dedicata al “mental coaching”

CARRARA. «La Carrarese è sempre nei miei pensieri, è stato il mio trampolino di lancio; qui ho conosciuto tante persone ed è stata un'annata fantastica, una delle più importanti della mia carriera. Adesso so che c'è Baldini come mister, che ha tanto entusiasmo e a cui va da parte mia un grande in bocca al lupo». A dirlo è l'ex commissario tecnico azzurro – oggi ct in Cina – Marcello Lippi, mattatore della giornata di ieri alla Camera di Commercio in occasione della terza giornata del corso di formazione “Mental coaching”. Un convegno, a cui hanno partecipato anche ragazzi e ragazze di alcune scuole del territorio apuano, con al centro il lavoro di squadra e il lavoro della mente, in tutti i campi dalla medicina allo sport. Tra il pubblico il prefetto di Massa Carrara Enrico Ricci e il sindaco di Carrara Francesco De Pasquale. «Anche nel mio lavoro – ha detto il primo cittadino – il lavoro di squadra è importante, anche se ovviamente non è sempre facile».

La giornata. A inaugurare la giornata è stato l'intervento del tenente Liberata D'Aniello, la prima donna entrata nella pattuglia Acrobatica Tricolore (le Frecce Tricolori). Poi spazio all'intervento del dottor Luigi Arcieri – cardiochirurgo pediatrico dell'Opa – con “Il lavoro di squadra nelle professioni sanitarie 'L'esperienza di un cardio-chirurgo pediatrico'”. Due settori diversi, descritti nei due interventi dal tenente D'Aniello e dal dottor Arcieri, per raccontare la valenza del lavoro di squadra. Dopo i primi due interventi la giornata è poi proseguita con una tavola rotonda (moderata dallo storico dello sport Gustavo Pallicca e da Vincenzo Genovese). Tra i presenti il carrarese Nicola Codega (campione di tennis su sedia a rotelle e autore del libro “Sempre in piedi”), il provveditore agli studi Donatella Buonriposi, Massimo Binelli (mental coach carrarese), il professore Massimo Scioti (Federazione Pugilistica Italiana) e Paolo Pasquali, neo presidente del Panathlon club Carrara e Massa. Poi, come anticipato, Marcello Lippi, star della giornata, incalzato dalla platea e dagli altri relatori con spunti e domande. Dal ruolo dei genitori tra calcio e scuole, all'Italia che non andrà ai Mondiali di calcio che si disputeranno quest'estate in Russia; nel mezzo pillole, consigli e aneddoti di calcio, ma non solo, come raccontiamo più dettagliatamente in un articolo a parte. Vista l'occasione, però, il ct della Nazionale azzurra campione nel mondo in Germania nel 2006 parte proprio da Carrara, dalla stagione 1988/89 in cui fu allenatore della Carrarese, neopromossa dalla serie C2.

Lippi, arrivato dalla Pistoiese, andava a sostituire sulla panchina azzurra l'allenatore apuano Corrado Orrico. Un «trampolino di lancio», analizza, verso la serie A sulla panchina del Cesena l'anno successivo.

Anche per questo Carrara è nel cuore del mister viareggino. «Eravamo una squadra – racconta – neopromossa, ma per un certo periodo siamo rimasti in testa alla classifica. Andavo

a sostituire Corrado Orrico che andai a sostituire successivamente anche a Lucca».

A margine del convegno, infine, gli auguri, come detto, da parte di Lippi all'attuale mister degli azzurri, Silvio Baldini.

ALTRO SERVIZIO A PAG.16

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro