Quotidiani locali

Più incontri in città: «Vogliamo dialogo»

Il presidente Vincenzo Colle risponde ad “Acqua delle donne” «Non siamo uno stipendificio del Pd, costi aziendali in calo»

MASSA. Incontri trimestrali per discutere di costi e consumi, un piano industriale accessibile e consultabile anche ai comuni cittadini, iniziative legate al sociale per estendere una sana «cultura dell'acqua». E sopratutto condivisione dei progetti in cantiere per avere “l'approvazione” della comunità.

Questi in estrema sintesi le conclusioni dell'incontro pubblico con il presidente di Gaia S.p.a., Vincenzo Colle.

Poche persone all'evento organizzato dal fondatore del gruppo “Acqua delle donne”, Galeano Fruzzetti allo scopo di «non limitarsi a scendere in piazza, ma cercare di capire come poter trovare soluzioni che vadano incontro a tutti i cittadini» – ha spiegato Fruzzetti. Si è reso disponibile al dialogo, il presidente del gestore idrico del comune, e si è dichiarato aperto a nuovi incontri con cadenza trimestrale per far fronte alle criticità sollevate dai cittadini.

«Il gestore non è un muro – afferma Colle – l'utente deve dialogare». Sul contestato piano – in fase di studio di fattibilità – di costruire una "autostrada dell'acqua" che dalle Alpi Apuane arrivi fino a Livorno, il presidente di Gaia replica: «è impensabile trasportare acqua fino a Livorno. Il principio di questo progetto è il superamento della crisi idrica di alcune zone, fra le quali Fosdinovo e Fivizzano. Ma comunque tutte le fasi del progetto verranno condivise con la cittadinanza».

Sulle accuse mosse dal comitato No Gaia di essere uno «stipendificio del Partito Democratico» risponde: «Sono ovviamente di avviso contrario, dal 2009 in verità i costi si sono ridotti moltissimo e i concorsi per le assunzioni sono pubblici e svolti in piena trasparenza. Da soggetti pubblici riusciamo a gestire in maniera efficiente ed efficace il servizio idrico. Certo è che Gaia è nata con uno zainetto di debiti in spalla. Tutti i debiti che i vari comuni hanno apportato con le infrastrutture al momento dell'unione».

Fra le proposte avanzate dall'organizzatore Galeano Fruzzetti c'è quella di un incontro a cadenza trimestrale in cui la cittadinanza potrà confrontarsi direttamente con il presidente di Gaia per chiarire tariffe e agevolazioni. E la richiesta ufficiale ai tecnici del gestore idrico di diffondere le proprie conoscenze a chi proviene da paesi in cui l'acqua potabile scarseggia, allo scopo di estendere una sana «cultura dell'acqua». Vincenzo Colle ha inoltre sottolineato l'impegno del gestore idrico nel riparare dove possibile le tubazioni idriche che disperdono acqua: «dobbiamo migliorare le nostre capacità di investimenti ma è impossibile pensare di poter ridurre da un giorno all'altro il 40% di perdite che ci sono. Ogni anno sostituiamo parti delle reti anziane, ma per ricostruire l'intera rete servirebbe un finanziamento che non è sostenibile

nemmeno dalla fiscalità generale». In programma per i cittadini, Gaia ha inserito un tavolo permanente che riunirà associazioni di categoria e dei consumatori per discutere delle nuove modifiche alle tariffazioni e per presentare ogni mese le novità sul piano degli investimenti.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro