Quotidiani locali

Influenza, attesi duemila casi in provincia

Piano d’emergenza in vista del picco del virus, Biselli: «Al Noa siamo pronti ad ampliare i posti letto se fosse necessario»

MASSA. La prossima settimana sarà da bollino rosso per l’influenza. Iniziata in anticipo quest’anno, già prima delle feste natalizie per le critiche condizioni atmosferiche, raggiungerà il picco a breve. Ma anche le successive non si presenteranno buone, a causa del “giallo” che coinvolge il virus australiano. Se quel virus, che attualmente si trova sulla Gran Bretagna provocando un elevato numero di casi, dovesse spostarsi verso il nostro Paese, il picco potrebbe prolungarsi anche nelle settimane successive.

Secondo Fabrizio Pregliasco, virologo all’università di Milano, le probabilità non sarebbero però molte. Così, nella prossima settimana, saranno oltre 2mila le persone costrette a letto dall’influenza a Massa e provincia.
Importante è non commettere errori. Uscire all’esterno tenendo ben coperti capo, gola e piedi, i punti deboli dell’organismo. Bere molti liquidi, circa due litri al giorno, per facilitare l’eliminazione delle urine. Evitare i luoghi affollati, come gli autobus e tenere ben pulite le vie nasali. Aerare bene gli ambienti interni e soprattutto dove si andrà a dormire. Lavarsi spesso le mani, dopo essersi soffiati il naso e prima di mangiare, le vie di trasmissione più diffuse. In caso di febbre è necessario ricorrere nell’immediato agli antipiretici o, eventualmente, agli antibiotici consultate il medico di fiducia. Anche la storia può essere utile, con i consigli della nonna. Il brodo di pollo ben caldo esercita un benefico effetto sulle vie respiratorie, come espettorante e sedativo della gola infiammata. Utile anche in fase di convalescenza. Meglio se preparato la sera e lasciato sedare. Risulterà più concentrato e maggiormente efficace. Ancor meglio quello di gallina, più difficile da preparare. In alternativa, farinata di mais, semolino e brodo assieme. Vantaggi, inoltre, può dimostrare il latte caldo col miele, sempre che non sussistano intolleranze alimentari specie alle proteine del latte e al lattosio. Chi lo preferisse, è indicato anche l’aglio, dato che l’allicina è un buon anticongestinante. Ricotta e zucchero quando tutto è ormai passato, ma vi sentite ancora mezzi e mezzi. Le prime ore delle infezioni sono le più complesse con naso chiuso e mal di testa da scoppiare. Ecco allora i fatidici fumacchi, capaci di liberare le narici e consentirvi un sonno meno agitato. Insopportabili nei primi minuti, poi starete meglio. Davanti a febbre alta, pezzola di acqua fresca sulla fronte e, per qualche minuto, borsa del ghiaccio.

Dai rimedi casalinghi per sconfiggere l’influenza, ai numeri della provincia e all’analisi del virus che tra qualche giorno raggiungerà il suo picco. Carlo Manfredi, presidente dell’ordine dei medici della provincia di Massa-Carrara, spiega: «Il vaccino anti influenzale di quest’anno è costituito da quattro ceppi, al contrario di quelli delgli ultimi anni, che ne contenevano tre. Personalmente ho vaccinato circa 450 persone, anche se molte altre hanno scelto di proteggersi. Le categorie più a rischio sono gli uomini e le donne sopra i 65 anni e le persone che hanno patologie croniche. Chi volesse vaccinarsi – conclude Manfredi – può ancora farlo, anche se la formazione degli anticorpi avviene in media in due settimane».

Carlo Manfredi
Carlo Manfredi


Intanto, al Noa è pronto un piano specifico nel caso in cui l’influenza colpisse duramente la popolazione. A illustrarlo è Giuliano Biselli, direttore del presidio ospedaliero delle Apuane della Usl 1 Massa-Carrara.

Giuliano Biselli
Giuliano Biselli

«Siamo pronti ad ampliare i posti letti nel caso in cui si registrassero molte richieste di accesso al pronto soccorso con ricovero dovute al picco dell’influenza. In questo momento, comunque, la situazione non è allarmante ed è pienamente sotto controllo. In ogni caso, siamo pronti a intervenire nel caso in cui ce ne fosse bisogno. Non corriamo il rischio di farci trovare impreparati».


 

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon