Quotidiani locali

Massa, al presepe vivente interattivo tre famiglie nigeriane

Sono richiedenti asilo, hanno preso parte alle scene del “Caravanserraglio”

MASSA. Dalla Nigeria al Caravanserraglio: tre famiglie richiedenti asilo al Presepe vivente. È stata una bellissima sorpresa e una grande occasione di integrazione per alcuni giovani profughi, che da mesi si trovano a Massa, ospiti dei centri di accoglienza locali. Tornato dopo anni dalla sua ultima edizione, Il Presepe Vivente Interattivo, al castello Malaspina, con oltre 300 figuranti lungo il percorso, ha coinvolto quest'anno tre famiglie nigeriane, accolte nel centro di Marina di Massa presso una casa di accoglienza straordinaria per richiedenti asilo, gestito dalla Cooperativa Odissea. Due coppie con un bambino e una mamma con una bambina hanno così preso parte all'iniziativa lo scorso 30 dicembre e 5 gennaio, con il ruolo di viaggiatori mercanti provenienti dalla Mauritania in sosta presso il Caravanserraglio, in cerca di Joshua e di musicanti presso la Corte di Erode.

«L'esperienza è stata molto positiva -dice Barbara Spicuglia coordinatrice di zona della Cooperativa Odissea- vissuta dalle famiglie con molto entusiasmo anche per la vicinanza a temi sentiti come il viaggio, la ricerca oltre che la fede, professando tutti la religione cristiana. Iniziative come questa dimostrano la possibilità concreta di provare a costruire l'integrazione».

«Il Titolo di questa Edizione “Togliti i sandali davanti alla terra sacra dell’altro” è infatti un’esortazione a liberarsi da ciò che ci tiene legati per riconoscere con umiltà e rispetto la sacralità dell'altro al di là di ogni differenza tra popoli e culture- spiega Lucia Della Tommasina, responsabile della formazione dei personaggi interpreti al Caravaserraglio-; l’aggiunta di questa scena , che
voleva rappresentare un luogo sicuro di sosta per tutti coloro che viaggiavano lungo le importantissime vie commerciali che attraversavano la Palestina, è diventata un’occasione per provare a vedere la nascita del Salvatore con gli occhi dei fratelli stranieri».

( mda )

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon