Quotidiani locali

Misterioso pestaggio a Pontremoli, giovane all’ospedale

Il marocchino è stato preso a calci e pugni mentre era in via Cavour con due amici. Né lui né loro hanno saputo dire ai carabinieri quanti erano gli aggressori

PONTREMOLI. Un’aggressione che inquieta perché è l’ennesima che avviene in Lunigiana e perché ancora una volta vede protagonisti degli extracomunitari. È successo sabato sera, intorno alle 23, a Pontremoli, in via Cavour. Ad avere la peggio un marocchino che è stato picchiato a sangue da qualcuno. L’uomo, sulla trentina, si trovava con due amici quando è stato sorpreso in strada da sconosciuti che lo hanno preso a calci e pugni senza neppure dargli il tempo di reagire. Singolare poi che chi era con lui non abbia mosso un dito per difenderlo. Le urla comunque hanno attirato l’attenzione dei passati e qualcuno ha urlato che avrebbe chiamato le forze dell’ordine. Così ha fatto e questo ha interrotto il pestaggio.

I carabinieri hanno trovato il nordafricano in terra tramortito dalle botte (e probabilmente dall’alcol) e i due connazionali in un angolo. Terrorizzati. Li hanno sentiti ma non sono stati di grande aiuto perché hanno detto di non aver visto in faccia gli aggressori. Anche se hanno detto che probabilmente si trattava di marocchini. Anche il ferito, portato all’ospedale, dove gli hanno riscontrato solo delle contusioni, non è stato utile alle indagini. Perché ha detto di non conoscere chi lo ha ridotto così. Non è riuscito neppure a dire con esattezza quanti erano quelli che lo hanno preso a calci e pugni.

La pattuglia, mentre il nordafricano veniva messo sulla ambulanza, ha fatto un giro nei pressi di via Cavour per cercare gli aggressori. Ma senza successo. Probabilmente si erano mimetizzati tra la folla che c’era in centro per il Bancarella sport. Non è la prima volta che succedono cose del genere a Pontremoli. Di notte spesso gli extracomunitari, complici l’alcol e dissapori tra di loro, si picchiano in mezzo alla strada.

Tanto che la sopportazione dei residenti è al limite, come hanno

spiegato le persone che hanno parlato con la pattuglia che è intervenuta. Il nordafricano è stato dimesso dopo qualche ora, quando dagli esami è emerso che non aveva nulla di fratturato. Ad attenderlo fuori dall’ospedale gli amici che erano con lui quando è stato picchiato.
 

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri