Quotidiani locali

Taibi, il processo potrebbe ricominciare

L’assenza del giudice presidente della corte di Assise rischia di azzerare tutto e far ripartire da capo il procedimento

CARRARA. Processo Taibi: si rischia di ricominciare da capo. Un'altra pagina drammatica della recentissima storia della nostra città e nuove difficoltà nel percorso processuale che vede alla sbarra, con l'accusa di omicidio l'ex postino Roberto Vignozzi. Il pensionato che il 27 gennaio del 2016 ha ucciso a colpi di pistola il maresciallo dei carabinieri Antonio Taibi.

Il processo potrebbe ripartire da zero. La notizia arriva alla vigilia delle udienze del processo Taibi già messe in calendario rispettivamente per il 31 marzo, il primo e il 7 aprile prossimi. Le udienze si svolgono in corte d'Assise con il collegio giudicante presieduto da Giovanni Sgambati. Ma proprio il giudice Sgambati, per motivi di salute, rimarrà assente a lungo dal tribunale. E a questo punto si aprirebbero due strade: la più semplice è quella di mettere a presiedere la giuria il giudice Alessandro Trinci e sostituire il suo posto, a latere, con la nuova giudice Alice Serra. E si potrebbe quindi andare avanti con il processo, solo però con il consenso ad acquisire le testimonianze fino ad oggi rese agli atti.

E il nodo da sciogliere, quello che potrebbe azzerare tutto il lavoro portato avanti fino ad oggi nell'aula della corte di Assise, sta proprio qui: sul consenso che dovrebbe arrivare da parte della difesa (Roberto Vignozzi è assistito dall'avvocato Enrico Di Martino). Se il legale, dopo essersi consigliato con l'imputato, deciderà di non dare il consenso ad acquisire gli atti, dovranno sfilare di nuovo i testimoni sentiti fino ad oggi.

Questo, è bene sottolinearlo, non comporta nulla in termini di prescrizione, non prevista per quel che riguarda l'omicidio, e neppure per le sorti dell'imputato ancora sottoposto alla custodia cautelare in carcere, ma allungherebbe, questo sì i tempi della giustizia, o meglio della sentenza relativa a una vicenda che ha scosso nel profondo la comunità carrarese.

Le udienze. Le prossime sono fissate per la fine di marzo e la prima settimana di aprile. E nella prima dovrebbe essere sentito il figlio dello stesso Vignozzi, Riccardo Vignozzi, che si trova in carcere a Sollicciano per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Tre udienze che, alla luce dell'assenza di Sgambati, potrebbero essere cancellate.

Intanto, proprio davanti ai giudici popolari, sono già stati sentiti alcuni importanti testimonianze: fra queste la ricostruzione, attraverso le telecamere, della mattinata dell'omicida, ripreso prima e dopo aver ucciso il maresciallo Taibi, fino all'arrivo in tribunale dove si era costituito.

Ore e ore di udienza che, senza l'eventuale permesso ad acquisire gli atti, dovranno essere ripetute. Il processo, che si sta celebrano con il rito immediato, è cominciato l'11 novembre scorso, a dieci mesi dal delitto. Un processo che avrebbe dovuto concludersi in tempi stretti, e proprio con questo obiettivo erano state calendarizzate le udienze. Un processo doloroso per i colleghi e, soprattutto, la famiglia di Antonio Taibi : la vedova e i figli (assistiti dall'avvocato Riccardo Balatri) costretti a confrontarsi e a rivivere ad ogni udienza il dolore i quella tragica mattinata del 27 gennaio del 2015 che ha visto spezzare, in modo violento, la vita di un militare, di un marito e di un padre di famiglia.

E proprio fra le udienze più delicate del processo Taibi c'è stata quella che ha visto sfilare sul banco dei testimoni uno dei figli di Antonio Taibi. Il ragazzo, ancora minorenne, ha ricordato in aula di aver risposto al citofono il giorno del delitto e ha riconosciuto in aula

l'assassino del padre.

Momenti tragici, testimonianze difficili che, se il processo verrà azzerato, potrebbero essere di nuovo richieste con quanto di sacrificio questo comporterà. Insomma una vicenda dolorosa, e un percorso giudiziario difficile.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics