Menu

Vai alla pagina su Lavoro

LA STORIA / A 43 anni si inventa una nuova attività

Carrara: Rosa Micheli, perito, agente immobiliare, ora apre un negozio di articoli per la pesca sportiva. «Da questa passione nasce il mio grande progetto»

CARRARA. È il caso di dire, come Alfieri: “Volli, sempre volli, fortissimamente volli”. Ma in questo caso parliamo di una donna: Rosa Micheli, 43 anni, sportiva, campionessa di pesca, e imprenditrice. Montignosina che da 15 anni ha scelto Carrara «nonostante tutto». E ora si sposta più a valle, verso Avenza, per una nuova avventura imprenditoriale legata proprio al mondo della pesca sportiva.

E sì, perché la sua voglia di lavorare le ha fatto intraprendere varie attività in città: «Un tempo il bar enoteca Caffè Giardino in via verdi, che ha cessato l’attività. Oggi un’agenzia immobiliare, “Diogene” in via Don Minzoni che trasferirò a valle. E sono l’unico perito termografico di secondo livello in provincia». Termo che? «Con macchinari specifici valuto ad esempio la dispersione di calore, o di acqua negli immobili, o il distacco di intonaci. E sono anche Ctu del tribunale». Studia architettura ed è vicina alla laurea.

aUna vita impegnata, che però non le fa trascurare la sua grande passione «viscerale» per la pesca sportiva. Partecipa a campionati italiani in acque interne (fiumi e laghi) nella cosiddetta tecnica alla Roubasienne (praticata con una canna realizzata con materiali leggerissimi quali il carbonio e costruita ad innesti), e anche alle gare di pesca in mare dalla spiaggia terra (Surfcasting). È stata nel Club azzurro, fra le 12 donne più forti d’italia nel settore. Scrive su un mensile di pesca e collabora con il sito specializzato Match Fishing Italia.

Ha deciso di concentrare le proprie attività fuori dal centro cittadino, che ritiene essere diventato poco attraente. E così il 15 marzo prossimo, inaugurerà il suo negozio di articoli sportivi “Match Fishing Point”, in via Aurelia 9, poco distante dalla rotatoria di Turigliano, lato Massa. «Non sarà solo un negozio. – spiega Rosa Micheli – Da lì intendo partire per sviluppare iniziative nel settore pesca sportiva che ha un indotto enorme. Il mio è un grande progetto: creare reti di impresa, promuovere pacchetti turistici legati alla pesca. Chi gareggia (e la Fipsas ha un medagliere altissimo), spesso si porta dietro tutta la famiglia, va a mangiare nei ristoranti, a dormire negli alberghi delle varie zone. Vorrei offrire localmente la possibilità di giornate, o weekend in cui portare in barca la gente a pescare: abbiamo un mare adatto, e prevediamo di prendere barche in affitto con accompagnatori. Condivido il mio progetto con Francesco Minghinelli che gareggia in Eccellenza, ho l’appoggio di Marco Volpi che è rappresentante del marchio Tubertini. C’è Maurizio Fedeli, che rappresenta il marchio Trabucco». Insomma, la “crema” della pesca sportiva attorno a un’idea di imprenditoria targata in rosa, che punta anche a organizzare stage per ragazzi disabili. «Abbiamo l’appoggio anche di Fabio Coscia che è della nazionale disabili».

Non è stato difficile per Rosa Micheli trovare entusiasmo e sostegno a favore del proprio progetto, perché essendo del settore, è già lei un elemento di garanzia. Certo, la sfida è su un territorio

come quello apuano, spesso non facile da convincere. «Spero che questo territorio, che Carrara, risponda positivamente alla mia iniziativa... Altrimenti mi sposto a Marina di Massa, dove c’è il lago della Fiora. Io ho voglia di investire, e il territorio deve investire su se stesso».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare