Menu

La torta di nozze? È un’opera d’arte

A Tirreno Ct podio tutto pugliese per il primo campionato di cake design: ecco come nascono i dolci della new generation

CARRARA. Vengono da Cassano Murge (Bari) e da Cerignola (Foggia) i pasticceri più bravi d’Italia: lo ha stabilito la giuria del 1° Campionato Italiano di Cake Design, organizzato da Fip, Federazione Italiana Pasticceria Cioccolateria Gelateria, che si è concluso ieri alla fiera Tirreno Ct (in corso fino a domani a Carrarafiere). Il primo posto è stato appannaggio di Serena Sardone, da Cassano Murge; piazza d’onore per Salvatore Perrucci, da Cerignola; terzo posto infine alla altrettanto brava Sara Sardone, sorella della vincitrice. Un podio tutto pugliese, che nulla toglie però alle altre regioni del nostro Paese: la pasticceria Italiana è leader a livello mondiale come tradizione, innovazione e qualità: lo prova il fatto che i nostri Pasticceri, quando non risultano vincitori, si collocano comunque ai primi posti nei concorsi internazionali. La vincitrice del Campionato, Serena Sardone, ha acquisito il diritto di partecipare alle finali dei campionati Mondiali di Cake Design. Non solo buono, quindi, ma anche bello: questa la nuova frontiera della pasticceria, dove il prodotto finale deve soddisfare anche gli occhi, oltre che ovviamente il palato.

Il Cake Design è l’arte di realizzare torte che nascono da un percorso creativo, vera e propria espressione artistica, che si materializza attraverso la modellazione della pasta di zucchero. E anche in questo particolarissimo settore i nostri pasticceri sono veri maestri. «Il nostro settore per fortuna è molto vitale e i numeri parlano di una crescita costante - il maestro pasticcere Gennaro Volpe, napoletano, vice presidente della Fip - La pasticceria italiana non è seconda a nessuno e la qualità è un valore aggiunto molto importante. Il consumatore ha capito questo e adesso si consumano prodotti magari un po’ più costosi, ma che diano garanzie sotto il profilo qualitativo e quindi nutrizionale. Per quanto riguarda le materie prime – continua Volpe - , le preferenze vanno a quelle naturali, che sono sì più complicate da lavorare, ma riescono appunto a soddisfare quei requisiti che ho detto». Il comparto della pasticceria in Italia sta vivendo un momento di crescita, in netta controtendenza con molti altri settori della produzione cha ancora sono in sofferenza E anche dall’estero è in aumento la richiesta di pasticceria artigianale italiana Secondo studi condotti dalla Federazione Italiana Pubblici Esercizi, sono complessivamente 33mila le aziende del settore, divise tra circa 13mila gelaterie e pasticcerie, 18mila bar pasticceria e 2mila relative ad altre attività artigianali e commerciali. Numeri importanti in assoluto e ancora più interessanti se si considera che tra gli addetti è cospicua la presenza femminile ed è in atto un costante apporto di giovani leve.

In parallelo, cresce soprattutto la richiesta di personale qualificato, e qui si evidenzia purtroppo la carenza formativa, come accade in altri settori: nel 2013, a fronte dell’offerta di lavoro complessiva, ben 600 posti sono rimasti vacanti, il 13% delle assunzioni programmate dalle aziende.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro