Menu

Per il senatore Menchinelli il ricordo degli amici

CARRARA. Nei giorni scorsi, come abbiamo riferito, è deceduto a Roma il senatore Alessandro Menchinelli. In una nota, gli amici di "Giustizia e Libertà", Anpi, Fiap, lo ricordano «con affetto ed...

CARRARA. Nei giorni scorsi, come abbiamo riferito, è deceduto a Roma il senatore Alessandro Menchinelli. In una nota, gli amici di "Giustizia e Libertà", Anpi, Fiap, lo ricordano «con affetto ed ammirazione».

Classe 1924, cresciuto in una famiglia antifascista, Menchinelli subito dopo l'8 Settembre 1943 passò alla Resistenza aderendo all'organizzazione clandestina "Giustizia e Libertà". All'indomani della liberazione di Carrara, fu segretario della Federazione di Massa- Carrara del Partito d'Azione. Dopo l'adesione di questo al partito Socialista, assunse la segreteria di quest'ultimo sempre per la Federazione di Massa-Carrara. Con la costituzione del Fronte Popolare del 1948 ebbe l'incarico anche della segreteria di quest'ultimo. Nel 1951 fu eletto consigliere comunale a Carrara per il Psi. Nel 1951 fu chiamato a far parte dell'ufficio centrale di organizzazione del Psi a Roma e nel 1953 fu eletto membro del Comitato Centrale. Candidato per la Circoscrizione di Pisa - Livorno - Lucca e Massa-Carrara alle parlamentari del 1958, fu eletto Deputato, confermato poi alle elezioni del 1963. Nello scontro interno al Psi si schierò con la corrente di sinistra fino alla costituzione del Psiup divenendone membro della Direzione. Nel 1968 furono presentati per il rinnovo del Parlamento candidati, comuni di tutta la sinistra nelle liste per il Senato e in questa fu eletto Senatore nei collegi di Volterra e Massa-Carrara. Dopo le elezioni del 1968 si verificarono novità nella situazione politica italiana: la Dc si apriva a sinistra con Aldo Moro e il Pci di Berlinguer si apriva verso il mondo cattolico. Alle componenti socialiste si imponeva il compito di favorire oppure ostacolare il processo evolutivo della situazione politica. Nel Psi si manifestò la scelta favorevole di Francesco De Martino in contrasto con quella opposta che convogliò poi attorno a Bettino Craxi. Anche nel Psiup si imponeva una scelta e Menchinelli decisamente assunse quella favorevole, proponendo una convergenza sul Psi di De Martino. Accanto

a De Martino si svolse tutto il resto della vicenda politica di Menchinelli in opposizione a Craxi fino all'esplosione poi del Psi con Tangentopoli. Dopo la scomparsa del Psi, aderì al partito della sinistra nella versione prima dei Ds e poi del Pd, considerati entrambi eredi socialisti.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro