Menu

Stazione dismessa, partono i lavori

Al via le demolizioni, accelerata per le nuove scuole. Intanto torna a splendere il plesso Collodi: domani l’inaugurazione

AULLA. Due plessi ricostruiti, per i bambini della scuola materna ed elementare. Una scuola, la Collodi, restituita alla collettività.

Ieri mattina sono iniziati i primi lavori nelle aree ferroviarie dismesse, con l'avvio della demolizione del vecchio deposito ubicato fra i container che ospitano le scuole elementari e medie e la dismessa stazione ferroviaria di piazza Roma. L'avvio della demolizione del vecchio deposito arriva a seguito della firma del rogito che sancisce il passaggio delle aree ferroviarie dismesse da Rfi al Comune di Aulla.

Quindi, ora si spera che anche i lavori per le tanto attese nuove scuole possano avere una decisa accelerata, anche se prima dovrà essere effettuato il cosiddetto “debombing”, ovvero la bonifica dalla eventuale presenza di ordigni bellici inesplosi.

Nel frattempo, dopo anni che se ne parla, giovedì prossimo, alle ore 10, avverrà la cerimonia di riconsegna alla collettività della scuola dell’infanzia e primaria del quartiere della Ragnaia.

Per la ricostruzione e la messa a norma dei due plessi sono stati impiegati un milione e 800mila euro: circa 600mila euro di provenienza regionale, il resto messo dal Comune di Aulla.

La "Carlo Collodi" (questo il nome della scuola elementare) è in grado di accogliere 125 alunni suddivisi in cinque classi.

Purtroppo, per la mancanza di risorse in tempi di crisi economica e di patti di stabilità che strozzano le Amministrazioni comunali, non è stato possibile rispettare il progetto originario, ma quello che conta è che le due scuole possano tornare nella disponibilità dei più piccoli.

Questo il programma della mattinata di giovedì prossimo che segna la riconsegna alla collettività della scuola della Regnaia.

Si comincia con il benvenuto ai presenti da parte degli alunni della scuola dell’infanzia e primaria della Ragnaia e la benedizione del parroco don Giovanni Perini. Ci sarà poi il saluto del sindaco Roberto Simoncini e delle autorità che saranno presenti alla cerimonia di inaugurazione .

A seguire la presentazione del progetto da parte degli architetti Ivano Pepe (dirigente all'urbanistica e ai lavori pubblici del Comune di Aulla) e Jacopo Bergamaschi, e degli ingegneri Fabrizio Simonelli e Stefano Pucci.

Sarà poi la volta dell’ intervento dell'ingegner Giancarlo Fianchisti (coordinatore prevenzione sismica della Regione Toscana) e la consegna delle chiavi alla preside Paola Bruna Speranza e intervento di quest'ultima.

Le conclusioni sono affidate della dottoressa Stella Targetti (vice presidente della Regione Toscana).

Ma il percorso vero la nuova scuola comincia già dalla giornata di oggi: la preside, il sindaco e le insegnanti incontreranno i genitori

dei bambini, infatti, oggi alle ore 17e 30, presso la sala consiliare del municipio aullese.

Questo incontro sarà l'occasione per presentare il nuovo plesso scolastico e le attività da svolgere per l’inaugurazione e per l’inizio dell’anno scolastico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro