Menu

Stazione, uniti contro il declassamento

Il consiglio comunale all’unanimità: «Ripristinare l’alternanza con Massa dei convogli più importanti»

CARRARA. Tutti uniti contro il declassamento della nostra stazione ferroviaria. Il consiglio comunale ha infatti approvato all’unanimità un documento che chiede di tutelare il nostro scalo, presentato dal capogruppo del Pd Roberta Crudeli e che ha visto la convergenza di tutte le assise.

Nella premessa, l’ordine del giorno ricorda che la Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) «sta attualmente effettuando lavori di smantellamento di tutto il fascio merci della stazione di Avenza e che questi comporteranno a breve il declassamento della stazione a semplice fermata alla stregua di quelle di Luni o di Camaiore. Questo smantellamento, una volta a regime - si aggiunge - avrà ricadute negative sulla tipologia delle fermate che si ridurranno per la nostra stazione soltanto a quelle del traffico regionale, mentre i treni nazionali a lunga percorrenza serviranno solo la stazione di Massa». Si fa presente che prima «i convogli a lunga percorrenza venivano suddivisi tra le due stazioni di Carrara e di Massa, mentre dall’entrata in vigore dell’ultimo orario questa alternanza è venuta meno a sfavore della nostra stazione; questo è un chiaro segale di depotenziamento e declassamento occulto del nostro scalo, che andrà a definitivo compimento al ter- mine dei lavori». Da qui la richiesta del consiglio, unanime, all’amministrazione comunale «di intraprendere presso Rfi le opportune azioni politiche ed amministrative che impediscano la soppressione o il ridimensionamento dello scalo ferroviario di Avenza ripristinando la precedente

suddivisione dei convogli a lunga percorrenza con la stazione di Massa».

All’unanimità è passato anche un altro ordine del giorno, ovvero la richiesta avanzata dal Movimento 5 Stelle di trasmettere in streaming, sul sito del Comune, tutte le sedute del consiglio comunale.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare