Quotidiani locali

Tentano di rubargli in casa le blocca e le fa arrestare

Pensionato reagisce al tentativo di furto e impedisce a tre donne la fuga in auto fino all’arrivo dei carabinieri. La banda al femminile patteggia: arresti domiciliari

BAGNONE. Tre donne avevano preso di mira l’abitazione di un sessantottenne a Bagnone, ma il tentativo di furto è andato a vuoto. L’uomo si è accorto della loro presenza e le ha bloccate mentre tentavano di fuggire su un’auto. Così i carabinieri, che nel frattempo erano stati chiamati, hanno avuto il tempo di arrivare e arrestarle sul posto per tentato furto aggravato in concorso. E’ accaduto nella frazione bagnonese di Corvarola l’altro ieri in pieno giorno.

Le tre donne, tutte con precedenti specifici, avevano preparato il loro piano. Poco prima dell’una, una di loro era entrata da una delle finestre aperte dell’abitazione del pensionato, che è di Piacenza ed ha una casa a Bagnone.

L’uomo si trovava in una delle stanze, ma la donna, approfittando del fatto che in estate le finestre sono spalancate, è entrata senza farsi molti scrupoli nel rischiare di essere sorpresa. Forse pensava che in quel momento nella casa non ci fosse nessuno.

Comunque, ha cominciato a rovistarla. Ma il pensionatoha sentito dei rumori, e ha scoperto la donna in camera sua, mentre stava mettendo a soqquadro i cassetti dei mobili.

L’uomo non si è impaurito, e ha gridato contro la donna. Questa, vistasi scoperta, con un balzo ha di nuovo scavalcato la finestra raggiungendo all’esterno altre due complici che l’attendevano nei pressi dell’ingresso della casa. Tutte e tre, secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri, sono salite su un’auto Opel Corsa, ma il pensionato, che nel frattempo aveva subito chiamato i carabinieri, si è precipitato fuori, e con l’aiuto di un vicino di casa le ha inseguite e ha cercato in tutti i modi, di non far allontanare l’auto a bordo della quale erano salite le tre donne. E’ riuscito così a far perdere tempo prezioso alle tre che volevano fuggire: tempo che è diventato invece prezioso per i carabinieri che sono arrivati a tutta velocità sul luogo ed hanno tempestivamente bloccato le donne (nate in Italia), poi identificate in caserma.

Si tratta di Daniela Mastini di 53 anni residente in provincia di Piacenza; Lidia Robert di 35 anni anche lei residente nella stessa località della Mastini; e Monia Bianchi di 38 anni residente anche lei in provincia di Piacenza.

Le tre sono ieri state condotte davanti al giudice in tribunale: hanno patteggiato. Otto mesi alla Mastini, 4 mesi alle altre due. Per tutte e tre sono stati disposti gli arresti domiciliari.

La pronta reazione del pensionato ha impedito che il furto fosse portato a termine. Il fatto che l’uomo sia di Piacenza, da dove provenivano le tre donne, fa pensare che in qualche modo fosse stato tenuto sotto controllo.

I carabinieri della Compagnia di Pontremoli invitano i cittadini a segnalare alle stazioni dell’Arma, a scopo preventivo, qualunque presenza sospetta nel territorio.(c.car.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
e ascolta la musica con Deezer.3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.