Quotidiani locali

Eventi espositivi ma anche dibattiti sulla Biennale (che non si farà)

Marble Week conquista nuovi spazi e ospiterà l'anteprima di Convivere

 CARRARA. Fervono i lavori per l'edizione 2012 di Carrara Marble Week, la manifestazione realizzata da Carrara Fiere in collaborazione con aziende del marmo, Comune, Fondazione cassa di risparmio, Camera di commercio e Accademia di belle arti. Il debutto dell'iniziativa, lo scorso anno, era stato contrassegnato da un enorme successo, tanto che l'appuntamento, pensato come una quattro giorni, era stato trasformato, in corso d'opera, in un evento stagionale. Alla luce di questa esperienza, la parola d'ordine degli organizzatori quest'anno, è "non lasciare nulla al caso" e programmare tutto nei minimi dettagli con largo anticipo: «Sulla scia del successo della prima edizione ci siamo mossi con largo anticipo, siamo già a buon punto e presto sveleremo tutti i dettagli», afferma Giorgio Bianchini, presidente di Carrara Fiere, confermando che la squadra dello scorso anno è stata confermata e allargata. Stando alle indiscrezioni, la prima grande novità è che la manifestazione toccherà nuove zone della città, nel dichiarato intento di uscire dal centro storico: oltre alle piazze e alle strade già interessate alla prima edizione, saranno coinvolti l'ex ospedale di San Giacomo e Via Roma, destinata a diventare "la via della moda", e la zona di San Francesco, con la piazza e il Centro per le Arti Plastiche. La sede museale nell'ex convento ospiterà sia le opere realizzate per Marble Week che alcune sculture "ereditate" dalle vecchie edizioni della Biennale. E nel tentativo di costruire un ponte ideale con la manifestazione di scultura, nel corso di Marble Week verranno organizzati incontri e conferenze tematiche: «Critici ed esperti si confronteranno sul tema della Biennale, in un dibattito che servirà al rilancio della manifestazione», aggiunge il sindaco Angelo Zubbani, confermando che anche nel 2012 la Biennale di scultura non ci sarà. «Non abbiamo i soldi, la Biennale è un evento da 1 milione e 100mila euro mentre oggi tutte le nostre risorse le stiamo destinando ai servizi», osserva l'assessore alla Cultura Giovanna Bernardini, ricordando che l'impegno economico del municipio per Marble Week è decisamente inferiore (nell'ordine di qualche decina di migliaia di euro). E in attesa di sapere se e quando tornerà la Biennale, quello che è certo è che per tutta la prossima estate le strade di Carrara saranno animate da Marble Week: com'era stato largamente annunciato lo scorso anno, l'edizione 2012 si snoderà da giugno fino all'apertura di Convivere, il festival della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara che si tiene ogni anno i primi di settembre. Un sodalizio, quello con la Fondazione, che sarà sancito nel corso di Marble Week non solo dal coinvolgimento di Palazzo Binelli
(che metterà a disposizione il suo giardino per iniziative e spettacoli oltre a confermare la mostra dei gessi di Canova, sembra con l'avvicendamento di qualche opera) ma anche da un'anteprima di Convivere 2012, con un evento-dibattito organizzato in piazza D'Armi, tradizionale sede del festival.

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE DE ILMIOLIBRO

Corso gratuito di scrittura: come nascono le storie