Menu

È morto il giornalista Beppe Berti

Aveva 84 anni: una carriera in Rai e allo sport

CARRARA. Lutto nel giornalismo della carta stampata e della Rai.  È deceduto in una clinica di Roma, all'età di 84 anni Giuseppe Berti (Beppe per gli amici e colleghi), il decano dei giornlisti, nato nel centro storico della nostra città, in una palazzina di Vicolo del Plebiscito.  A fine guerra, Giuseppe Berti si trasferì nella capitale dove avrebbe intrapreso una brillante carriera nel giornalismo.  Nel 1952 Berti diventò giornalista professionista: infatti aveva iniziato a lavorare ai quotidiani della Capitale, precisamente a Italia Sera, al Popolo e alla Tribuna.  Dopo poco avvenne il passaggio in Rai, dove venne assunto, passando alla redazione del Giornale Radio, lavorando con i colleghi Veltroni, Zavoli, Moretti, Valenti.  Nel 1976, Beppe Berti passò al TG2 sport e fu autore di inchieste e documentari radiofonici.  Beppe Berti era stato nominato capo servizio sportivo del TG2 e poco dopo vice direttore. Molti i riconoscimenti che gli sono stati assegnati e tra questi quello del Coni e di Saint Vincent.  Berti ha sempre avuto la passione per i cavalli e le corse al trotto; una inclinazione che lo ha portato a curare corrispondenze e rubriche nell'ippica, assumendo anche incarichi dirigenzialia
dello stesso settore.  I funerali di Beppe Berti si terranno a Roma stamani alle ore 10,30.  Dopo la funzione religiosa, la salma verrà tumulata nella tomba di famiglia al Verano vicino alla moglie e figlio.  Alla figlia Daniela, colpita nel grande dolore, condoglianze dai colleghi de "Il Tirreno".

TrovaRistorante

a Massa Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro