Quotidiani locali

PODISMO  

Alla Scarpinata di Filecchio attesi quasi mille marciatori

La trentesima edizione organizzata in collaborazione con i maestri polentai  prevede anche l’attraversamento del famoso ponte a gobba d’asino

LUCCA

Il Trofeo Podistico Lucchese torna domenica mattina nella Valle del Serchio. Si svolge a Filecchio, piccola frazione del comprensorio comunale di Barga dalla quale dista meno di 3 chilometri, la 30.a edizione della Scarpinata di Filecchio, marcia non competitiva che rientra nelle manifestazioni del complesso parrocchiale di un paese da tanti anni dedito alle iniziative culturali, sportive e musicali. Circa 600 sono gli abitanti di Filecchio, ma molti di più i partecipanti che si recheranno domenica mattina alle 7,30 alla partenza di questa marcia che si snoda su 4 distanze a scelta fra sentieri e vie boschive sulle colline soprastanti. I percorsi sono di 2,7,10 o 18 chilometri. La partenza è fissata al complesso parrocchiale nella parte bassa del paese a quota 200 metri. Nelle distanze corte viene fatto il giro del paese su tratti asfaltati. Più articolate e di maggiori difficoltà altimetriche le distanze più lunghe. Nel percorso dei 10 chilometri si sale fino a Seggio Alto sui sentieri boschivi e poi ancora fino al Castellaccio di Monte Altissimo, sulla cui altura si possono scorgere i castelli della Media Valle del Serchio. Una volta arrivati a Castellaccio i marciatori scendono per ritornare al punto di partenza di Filecchio. L'anello dei 18 Km invece raggiunge il punto più distante e più alto della marcia nel giungere alla chiesa a quota 640 metri prima di riprendere la strada di ritorno per Filecchio. Una volta scesi a Castellaccio i marciatori si incrociano con i partecipanti alla 10 chilometri in un punto di ristoro. Nel percorso in prossimità di Loppia la marcia si immette nella Via del Volto Santo attraversando il ponte a gobba d'asino verso Filecchio. Un altro ristoro è previsto dopo 5 chilometri dalla partenza ed infine il terzo ristoro viene allestito in una struttura coperta del complesso parrocchiale di Filecchio dove le donne del paese sono impegnate in cucina per offrire la polenta calda da mangiarsi assieme a grigliate miste a base di carne e cacciagione,il tutto annaffiato da un vino locale. La marcia è organizzata dall'Asd Fratres di Filecchio presieduta da Edoardo Montanelli. Il vice presidente è Lorenzo Tonini ed il tesoriere Franco Ghiloni che si adopera alacremente nella conciliazione dei tempi e ritmi di lavoro per rendere il percorso sui sentieri scorrevole ed in piena sicurezza. Il gruppo sportivo è autonomo e si è distaccato da quattro anni dai donatori di sangue Fratres, per dedicarsi esclusivamente all'organizzazione di manifestazioni e nel podismo è presente anche con una squadra a livello competitivo. Il paese di Filecchio grazie alla Pro Loco di Santa Maria Assunta in collaborazione con i maestri polentai della zona, famosi a livello nazionale, con questa marcia mette fine alle manifestazioni estive che comprendono la 50esima edizione della sagra della polenta che domenica, sia a pranzo che a cena sarà servita anche assieme alla trota fario, tipica dei torrenti e fiumi garfagnini.L'Asd Fratres si è reso promotore quest'anno anche di una cronoscalata podistica e di un trofeo giovanile di mountain bike. L'obiettivo degli organizzatori è di superare il numero dei partecipanti dello scorso anno di circa 950. E l'appuntamento è veramente ghiotto per coloro

che con la loro presenza rinforzano il numero dei partecipanti dell'associazione che rappresentano. Percorsi montani, ricchi di storia nelle colline della Valle del Serchio ideali per chi vuole stare a contatto con la natura, ma anche per quei runner amanti dell'escursionismo. —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro