Quotidiani locali

CALCIO SERIE D 

Remaschi fa le carte al campionato «Il GhiviBorgo sarà protagonista»

Per il dirigente del club della Valle Ponsacco e Gavorrano favorite mentre Sangiovannese, Pianese e San Donato Tavarnelle  potranno recitare il ruolo di outsider

GHIVIZZANO

Si presenta come persona appassionata di calcio, con una fetta di cuore che batte per ogni squadra della Valle del Serchio e in modo particolare per il GhiviBorgo. Marco Remaschi parla a tuttotondo della creatura a cui tiene maggiormente. Lo fa nei giorni che precedono all’avvio del campionato di Serie D, dove il GhiviBorgo vuole recitare un ruolo da protagonista. Le difficoltà economiche di Prato e Massese potrebbero giocare a favore della squadra di Guido Pagliuca che Remaschi, nei limiti degli impegni politici e amministrativi in ambito regionale, vuole seguire ogni domenica: «I problemi delle altre squadre non ci devono interessare. Sarà un campionato più lungo dei precedenti, con turni infrasettimanali e dove ci sono sempre state tante sorprese, così come potranno esserci sorprese inattese in questa stagione».

Cosa si può chiedere a Pagliuca e ai suoi ragazzi? «Massimo impegno, senso di appartenenza, voglia di lasciare il campo con la consapevolezza di aver dato tutto. Ai ai veterani abbiamo chiesto di essere leader ed esempi per i più giovani. Lavorare con ragazzi educati, votati al sacrificio aiuta anche il tecnico a lavorare».

Nolè capitano incarna questo spirito.. «Matteo non ha bisogno di presentazioni. Ragazzo scelto da Pagliuca che unisce qualità umane con quelle tecniche. Ha dato molto alla Lucchese, può dare molto anche a noi. È il veterano più conosciuto a Lucca, ma gli altri non sono da meno».

Quali sono le favorite secondo Remaschi? «Credo che Gavorrano e Ponsacco hanno le carte in regola per disputare un campionato di vertice. Ci sono poi formazioni interessanti che potrebbero inserirsi quali secondo me Pianese, San Donato Tavarnelle e Sangiovannese. Da non trascurare poi l’Aglianese, società che guarda avanti e in ascesa con due campionati vinti alle spalle».

Anche il GhiviBorgo come società è ormai realtà consolidata in Serie D. «Questa crescita della società è riconosciuta da tanti addetti ai lavori. Merito delle tante persone che dedicano il loro tempo e le loro capacità nello stare dietro ai calciatori e alle strutture. Queste risorse umane sono il nostro valore aggiunto: senza queste, sarebbe più difficile.

Ormai sono diversi i campionati di Serie D per il GhiviBorgo, quali i ricordi più belli? «Il primo anno raggiungemmo i playoff e le partite belle furono diverse. Per citare le emozioni più recenti, ricordo la partita vinta a Ponsacco la scorsa stagione in un campo caldo e contro la squadra capolista. Belle furono poi le belle prestazioni contro Rignanese

e Seravezza».

Quale desiderio per i baby della Valle del Serchio? «Mi piacerebbe creare un’unica realtà di settore giovanile, ben strutturata, con impianti moderni ed istruttori di livello, capace di curare la crescita umana in parallelo con quella tecnica». —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro