Quotidiani locali

CALCIO DILETTANTI 

La crisi economica colpisce il Sacro Cuore che chiude i battenti e dice addio alla Terza

Negli ultimi anni hanno preferito dire basta e non iscriversi alla Figc Sillicagnana, San Romano, Villetta Ania, Pescaglia e Piano di Coreglia Le entrate non bastano ai club

BARGA. La crisi economica si fa sentire e non risparmia il pur fiorente mondo del calcio della Valle del Serchio, dove passione e volontariato spesso riescono a sopperire alle tante difficoltà. Manca l’ufficialità, che arriverà in uno dei prossimi comunicati ufficiali della Figc ma, salvo clamorosi ritorni, sarà il Sacro Cuore a far le spese di tale contesto di crisi. Il Sacro Cuore, società nel comune di Barga con impianto sotto il rilevato ferroviario a Ponte all’Ania, chiude i battenti dopo dieci stagioni tra Terza e Seconda categoria. A spiegare i motivi è Paolo Capannacci, anima del club praticamente fin dalla fondazione: «Le entrate non crescono mentre le spese si erano fatte sempre più impellenti. Difficile pensare di poter arrivare in fondo alla stagione con serenità. Un vero peccato, ma non è bello esporsi ed è meglio evitare difficoltà anche nel pagare bollette e spese di ordinaria manutenzione». Il Sacro Cuore doveva il suo nome alla volontà dei suoi fondatori di ricordare l’oratorio di Barga – intitolato appunto al Sacro Cuore – in cui tanti ragazzi dei decenni scorsi avevano iniziato ad appassionarsi al pallone e a tirare i primi calci sotto la guida spirituale di Don Francesco Pockaj. Enrico Nardini è stato allenatore per molte stagioni, sfiorando la promozione quattro stagioni orsono con uno storico secondo posto che non riuscì a portare la squadra in Prima categoria. Nel caso in cui dovesse essere confermata la mancata iscrizione, i calciatori, tra cui molti ambiti da squadre di seconda e terza categoria, sono adesso liberi di accasarsi dove meglio preferiscono. Prosegue quindi il momento no per le società della Valle del Serchio rappresentanti

delle realtà dei piccoli comuni e delle varie frazioni. Solo per restare alle ultime annate, abbiamo assistito alla chiusure dei battenti di Sillicagnana, San Romano, Villetta, Ania, Pescaglia, Piano di Coreglia e alla fusione tra Virtus Camporgiano e Piazza al Serchio. —

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro