Quotidiani locali

enduro 

Francesco Giusti si conferma campione toscano

Il pilota Yamaha conquista la certezza matematica a due gare dalla fine e domenica andrà all’assalto al titolo tricolore

LUCCA. I motori parlano lucchese. Lo fanno, per esempio, nel rally. Ma anche riducendo il numero di ruote la musica, anzi, il rombo, non cambia.

È il caso dell’enduro, dove spicca la figura del giovane Francesco Giusti, in lotta per il titolo italiano 125 dove, dopo aver vinto tutte le gare tranne la prima per un guasto, occupa il secondo posto in classifica generale. E domenica prossima, a Piacenza, lotterà per il tricolore. Ma, intanto, Francesco si è matematicamente guadagnato il titolo toscano (ribadendo il successo dello scorso anno con la 50) nella gara di domenica a Piazza al Serchio, dove ha conquistato il primo posto nella categoria cadetti e il settimo assoluto (e, come detto, il titolo regionale). Ma quella di domenica è stata una giornata da incorniciare per tutta la sua squadra, il team Rd. Nelle prove speciali, con 200 partenti, si sono infatti registrati il sesto posto di Tommaso di Francesco tra i cadetti, il sesto di Mirko Cesari nella categoria interregionale il quarto di Edoardo Ordonzelli nella categoria 85, il terzo di di Matteo Giuliani nella categoria 65, il secondo posto di Mirko Vandelli nell’interregionale e poi le due vittorie, quella già detta di Giusti (che con 16 punti di vantaggio sull’inseguitore Alessio Bigiarini, è, a due gare dalla fine campione) e quella di Giorgio Berri nella categoria senior.

Il mondo dell’enduro ha così tanti seguaci a queste latitudini da avere società e praticanti in più federazioni, dalla Fim alla Uisp. E, in quest’ultimo caso, Turrite Cava, a Borgo a Mozzano, ha ospitato la quinta prova del Campionato toscano. Una prova memorabile, perché ha visto per la prima volta l’impegno di uno storico gruppo lucchese (lo Stabbiano Timme) nella veste di organizzatore. E indubbiamente è stato un successo, sotto tutti i punti di vista, a partire da quello della partecipazione, con 148 piloti da tutta la regione.

Ma i ragazzi dello Stabbiano Timme si sono messi in evidenza anche sui 44 chilometri per tre del percorso. Nonostante la vittoria assoluta sia andata al dominatore della categoria Elite Fabio Pampaloni (del Gruppo Motori lajatico), avanti per appena un secondo su Simone Matteoni (Asd Bojava Racing Team), sono stati molti i podi colorati del fucsiaverde dello Stabbiano. A partire da Steven Brizzi, 3° assoluto. E poi Stefano Lencioni e Diego Rossi rispettivamente 2° e 3° negli Elite, Marco Andreini 2° nella 2Super, Fabio Guidotti 3° nella 3Super, Niccolò Romei 3° nella 6Promo, Simone Martini 2° nella 10Promo.

Altri risultati da segnalare sono il 3° posto nella 2Super di Andrea Gelli del team Atf Appennino Tosco Emiliano e il 2° posto nella categoria 9Promo di Fabrizio Polloni e il 3° nella 10Promo di Fernando Biagi De Carvalho del team Barboni Del Tassello di Viareggio.

Ma i veri eroi di giornata si sono rivelati Antonio Sorbi, Francesco Raffaetà e Paolo Suffredini che con le loro vittorie di categoria, hanno dato allo Stabbiano Timme anche il primo posto nella classifica a squadre a scapito degli eterni amici/rivali del team Lp Moto. —

L.S..

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro