Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Fabbriche di Vallico punta la coppa anche grazie ai calciatori migranti

FABBRICHE DI VALLICO . Sport, integrazione e utilità sociale. A Fabbriche di Vallico, attorno alla locale squadra di calcio, è nato un progetto interessante. E le imprese della Us Fabbriche di...

FABBRICHE DI VALLICO . Sport, integrazione e utilità sociale. A Fabbriche di Vallico, attorno alla locale squadra di calcio, è nato un progetto interessante. E le imprese della Us Fabbriche di Vallico, squadra calcistica allenata da mister Martini che sabato prossimo giocherà la finale della Coppa Primavera Lega Aics, sfidando il Castelnuovo Garfagnana, hanno fatto il giro della Valle. Il più piccolo Comune che, assieme a Careggine, vanta un team di calcio, unisce l'utile al dilettevole. Mar ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

FABBRICHE DI VALLICO . Sport, integrazione e utilità sociale. A Fabbriche di Vallico, attorno alla locale squadra di calcio, è nato un progetto interessante. E le imprese della Us Fabbriche di Vallico, squadra calcistica allenata da mister Martini che sabato prossimo giocherà la finale della Coppa Primavera Lega Aics, sfidando il Castelnuovo Garfagnana, hanno fatto il giro della Valle. Il più piccolo Comune che, assieme a Careggine, vanta un team di calcio, unisce l'utile al dilettevole. Martini, infatti, può schierare molti rifugiati accolti sul territorio comunale e altri atleti stranieri residenti in zona. Dopo un girone di andata incerto, la squadra ha dimostrato forza e tenacia recuperando punti ogni partita disputata. Per poco sono riusciti a qualificarsi ai playoff, ma i “rossoblù” hanno dimostrato valore e attaccamento per la maglia in questa competizione: «Il bello di questo risultato è che deriva soprattutto dal gruppo che si è creato all'interno dello spogliatoio, dove quest'anno per la prima volta sono entrati anche molti ragazzi di colore», commenta il presidente Gianluca Favetti. Nata come esigenza per tamponare la scarsa profondità della rosa, la scelta di accogliere stranieri si è rivelata una delle migliori; non solo per le loro capacità sportive ma anche perché sono riusciti a integrarsi benissimo aumentando il valore della squadra. Hanno portato entusiasmo e un pizzico della loro cultura, oltre che un contributo di gol e forza fisica che serviva. I rossoblù giocano al campo di Gragliana e sono seguiti da un buon numero di appassionati. Un risultato, quello del Fabbriche che parte da lontano, costruito nel tempo e con molti sforzi: «I ringraziamenti – chiude Favetti - vanno a chi ci ha permesso di essere qui». (n.b.)