Quotidiani locali

La Folgor Marlia stringe accordi con il Torino

Per i prossimi tre anni le squadre giovanili saranno affiliate al club granata. Da valutare l’ipotesi ripescaggio

LUCCA. Asse Marlia-Torino. Niente a che vedere con faccende di guerra, sia chiaro: la Folgor, nonostante la retrocessione in Prima categoria figlia della sconfitta per uno a zero a domicilio nello spareggio playout contro il Luco, riparte alla grande, e stringe un’alleanza calcistica che dalla prossima stagione la lega ai granata di Serie A. «Per i prossimi tre anni, tutte le nostre squadre, ad eccezione della prima, saranno affiliate al Torino - ci confida in esclusiva Gianluca Landi, presidente della Folgor -. Avremo a disposizione sette giornate di training per i nostri tecnici, andremo su a Torino a confrontarci con una realtà importante nel panoramacalcistico italiano. I nostri ragazzi cresceranno con una concezione del lavoro ancora più definita.Lunedì prossimo inoltre faremo la prima giornata, qui a Marlia, con la Torino Academy di Teodoro Coppola. C’è bisogno di affinare ancor di più la metodologia, e col Toro siamo convinti di farcela». Affiliazione sì, ma senza sconvolgimenti, specie per la prima squadra. «Ho riconfermato in toto sia Barsocchi (l’allenatore, ndr) che Martinelli (direttore sportivo, ndr). Discorso diverso per i giocatori: saranno il mister e il ds a discuterne a fare le dovute scelte - precisa il presidente -. La retrocessione? C’è stata anche un po’ di sfortuna, ma il gruppo ha fatto un girone d’andata spettacolare. Abbiamo sofferto solo con 2, 3 squadre. Siamo venuti meno nel ritorno, è mancata un po’ d’esperienza, visto che abbiamo una squadra molto giovane. Le basi per ripartire però ci sono». L’obiettivo è quello di risalire, già dalla prossima stagione. «Sarà difficile ma la Folgor ha tutti i mezzi per ritornare immediatamente in Promozione. Ipotesi ripescaggio? Stiamo valutando il da farsi, come muoversi nelle sedi opportune. È un’opportunità che siamo pronti a cogliere qualora si presentasse». Una riflessione anche sulla riforma del calcio che vede dalla prossima stagione la partecipazione delle seconde squadre di A ai campionati di C. «Ci sono da una parte gli entusiasti e dall'altra i meno favorevoli. Penso però che possa essere una buona vetrina per i nostri giovani in grado di attirare le attenzioni delle "sorelle minori" delle squadre di A. Questo è un modello già percorso in Germania e Spagna: potrebbero soffrirne le provinciali, ma avremmo maggiori chances con la nostra nazionale maggiore». La Folgor poi continua a insegnare calcio, educando. «Sabato 26 maggio alle ore 21 allo stadio di Marlia

si affronteranno, in un match singolare col patrocinio del comune di Capannori, l'Asd Libertas femminile e gli juniores della Folgor Marlia. Le squadre però saranno miste: maschi e femmine. Un modo per ribadire, se ancora ce ne fosse bisogno, un secco no alla violenza sulle donne».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro