Quotidiani locali

Ucci-Ussi, chi ben comincia è a metà... del tricolore

La coppia garfagnina dopo Sanremo si gode la seconda vittoria in due gare «Tutto sta filando liscio, in questo fine settimana siamo stati perfetti»

CASTELNUOVO . La missione “10+1” è partita nel migliore dei modi. Ucci-Ussi vincono anche il rally di Sanremo, dopo il Ciocco, e volano in testa alla classifica del campionato italiano rally con un due su due che lascia spazio davvero a poche speranze per gli avversari.

Paolo Andreucci, dunque, a 53 anni e con 10 tricolori sulle spalle, non molla e resta il punto di riferimento anche per i tanti piloti della Lucchesia, e della sua Valle del Serchio, che si affacciano sul panorama rallystico italiano. Sale Panzani, ancora a punti, sfortunato Michelini, mentre tra gli esordienti bilancio soddisfacente per Santini e Lucchesi Jr.

A Sanremo, la Peugeot 208 di Paolo Andreucci e Anna Andreussi ha imposto un ritmo gara altissimo sin dal venerdì quando il pilota di Castelnuovo ha costruito la sua vittoria vincendo già la prova speciale spettacolo che ha aperto la 65ª edizione dello storico rally ligure, spesso anche tappa del campionato mondiale: «Abbiamo iniziato questo campionato proprio bene e siamo davvero contenti – dice Paolo Andreucci – tutto sta filando liscio, l'auto, le gomme, il ritmo gara. Il pilota? Sì, io ed Anna stiamo facendo il nostro visto che abbiamo tutto per far bene. Sanremo è sempre un rally insidioso e noi siamo stati perfetti. Era facile sbagliare o perdere il ritmo gara, non è successo».

Il rivale numero 1 tra Ucci-Ussi e l'undicesimo tricolore è e sarà Simone Campedelli (Ford Fiesta) che dopo il terzo posto del Ciocco, ha chiuso sul secondo gradino del podio a Sanremo.

Certo, solo una foratura ha tolto dal podio Andrea Crugnola (anche lui su Ford Fiesta), mentre Umberto Scandola (Skoda Fabia) ha risposto presente in terra ligure. Il Targa Florio, prossima tappa ad inizio maggio, sicuramente chiarirà ulteriormente le posizioni alle spalle di Andreucci.

«Voglio tornare a vincere in fretta – dice Campedelli – non posso essere contento del Sanremo perchè abbiamo perso troppo al venerdì per la scelta delle gomme e la rimonta del sabato non è stata sufficiente».

Lasciando le posizioni di vertice del campionato, ecco che Luca Panzani (Ford Fiesta) è andato ancora a punti terminando all’ottavo posto come al Ciocco e raggiugendo così nella classifica generale l'altro lucchese, Rudy Michelini (Skoda Fabia), uscito per un errore nella quinta prova speciale. Panzani è secondo nella classifica del campionato dedicato alle prove su asfalto: «Quindi il bilancio è positivo – commenta il nativo di Barga – peccato solo per la posizione persa nell'ultima prova speciale quando non abbiamo potuto attaccare».

Non ha conquistato punti tricolore, contrariamente a quanto successo nella gara di esordio, Federico Santini (Skoda Fabia).

Ma il pilota di Castelnuovo è arrivato in fondo portando a casa altra esperienza: «Abbiamo fatto di tutto per far male – sorride – non ne abbiamo azzeccata una, tutta esperienza sulle cose da non fare in gara. Speravamo di poter far meglio, ma ora testa al Targa Florio».

Punti per la classifica nelle rispettive categorie per Stefano Martinelli (campionato R1

e trofeo Suzuki) e Cristopher Lucchesi (campionato 2 RM). Appuntamento ora dal 3 maggio al Targa Florio, la storica tappa siciliana che lo scorso anno fu interrotta durante la prima giornata di prove per l'incidente mortale al pilota Mauro Amendolia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro