Quotidiani locali

Lucca United cerca aiuto oltre confine

Partnership coi “Lucchesi nel mondo” per trovare i 20.000 euro che mancano. Chiesta una dilazione di 30 giorni

LUCCA. Una corsa contro il tempo. Di quelle difficili, ma non impossibili. Mancano 20.000 euro a Lucca United, progetto di azionariato popolare che detiene il 10% della Lucchese, per poter ripianare la propria quota della perdita di esercizio. E il termine utile scade il 25 gennaio prossimo: cinque giorni a partire da ieri, data in cui Stefano Galligani e Moreno Micheloni, rispettivamente presidente e vice di Lucca United, hanno registrato, intanto, il sostegno deciso dell'associazione Lucchesi nel mondo, presieduta da Ilaria Del Bianco.

Basterà? Sul piatto, finora, sono stati raccolti 16.700 euro, a fronte dei 36.000 richiesti. Lucca United, coi suoi 200 soci, però adesso ha un alleato in più: gli 8.500 abbonati alla rivista Lucchesi nel mondo, e più di uno dei suoi iscritti può vantare un amore viscerale per la Pantera; fatto anche, spesso, di frequentazioni più che assidue del Porta Elisa. Per questo i "Guardiani della nostra fede" sono pronti a chiedere, già da lunedì, una dilazione di 30 giorni al patron rossonero, Arnaldo Moriconi, per ripianare il debito. «Il nostro obiettivo è quello di creare un azionariato diffuso, con 400 iscritti, come avevamo un tempo - precisa Galligani -. Vogliamo ascoltare attentamente anche il progetto, che non può che farci piacere, promosso dall'amministrazione, con in prima fila l'assessore Celestino Marchini (che ha riconsegnato due giorni fa a Moriconi e all'amministratore Carlo Bini un piano di sostenibilità economico-finanziario per la Pantera, ndr). La Lucchese ha 113 anni di storia, che meritano rispetto. Chiederemo una proroga della scadenza, anche perché grazie all'associazione Lucchesi nel mondo da adesso nasce una nuova partnership per promuovere la nostra immagine. L'auspicio è avere risultati nel breve termine».

Ilaria Del Bianco, da par suo, ci tiene a manifestare il suo sostegno alla Pantera non solo in quanto presidente di Lucchesi nel mondo, ma anche come tifosa. Sa però che dare fattivamente una mano ci saranno da superare alcune incombenze tecniche. «La lettera è già stata inviata, mentre la pubblicazione della richiesta per la raccolta fondi dovrebbe avvenire non oltre l'inizio di febbraio. Da parte nostra poi, fin dal 1968 (anno della costituzione dell'associazione, ndr) è forte il rapporto a fianco della Lucchese Libertas 1905. Questo è un appello che rivolgiamo ai nostri concittadini all'estero per far sì che aiutino la squadra. Nel mio caso, dal 1990 al ’98, anche per amore, ho seguito attivamente la Pantera allo stadio. La Lucchese ha bisogno anche di noi. E per il nostro 50esimo anniversario (che si celebra quest'anno, ndr) abbiamo in mente di organizzare diverse iniziative che coinvolgeranno la nostra squadra di calcio». C'è spazio anche per dare un giudizio sulla possibile cessione della società all'imprenditore laziale Berardelli, personaggio più che malvisto dai soci di Lucca United. «Non sono una intenditrice di calcio, specie di quelle che sono le questioni societarie - afferma Ilaria Del Bianco - ma posso dire che, anche guardando al livello nazionale, spesso girano nel calcio personaggi che non hanno interessi sportivi,
tutt'altro». Tagliente il giudizio di Moreno Micheloni: «Il simbolo è nostro, di tutti i tifosi - dice, tenendo in mano il gagliardetto della Libertas -: òa Lucchese deve stare al riparo da speculazioni. La proroga è anche la prova per capire se ci vogliono dentro la società, oppure no».

TrovaRistorante

a Lucca Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon